Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Repertorio dei pazzi d'Italia. Lunatici, giullari e matti che vengono per le nostre città
Repertorio dei pazzi d'Italia. Lunatici, giullari e matti che vengono per le nostre città

Repertorio dei pazzi d'Italia. Lunatici, giullari e matti che vengono per le nostre città

by Roberto Alajmo
pubblicato da Il Saggiatore

Prezzo:
14,00 11,90
Risparmio:
2,10 -15 %
mondadori card 24 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo lunedì 30 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Matti matti, mezzi matti e mattacchioni. Eccentrici, stravaganti e saggi alla rovescia. C'è chi urla, chi inveisce, chi canta, chi si traveste, chi chiede udienza, chi si limita ad aspettare Godot. Li vediamo vagare per le strade delle nostre città, alla fermata del tram, in piazza, al bar, sul sagrato della chiesa. Attraversano le nostre vite mentre tiriamo dritto per andare al lavoro. Spiazzano improvvisamente le nostre passeggiate domenicali gettando urla lancinanti. Uno, in tenuta da manager, cammina fingendo di parlare al telefono e ogni tanto grida ordini a qualche fantomatico sottoposto. Uno va a tutti i funerali, anche a quelli delle persone che non conosce, vestito di nero e con un mazzo di fiori in mano. Una esce di casa in sottoveste e veletta, portando sempre con sé una rivoltella. Uno indossa una tiara di cartone e recita omelie dal finestrino dell'autobus. Uno sostiene di essere il "progetto pilota" di una civiltà extraterrestre. Uno indossa solo una striscia di stoffa bianca, ha il volto scavato, i capelli lunghi e grigi: percorre silenzioso le vie del centro diretto al mare, anche in pieno inverno, seguito da un corteo di cani. E un nuovo Cristo?

La nostra recensione

Stamattina sono andata al solito bar a fare colazione e ho chiesto un caffè americano con un biscotto di pastafrolla. A me però le mandorle non piacciono, quindi ho iniziato, con fare da entomologa, a togliere ogni singola mandorla dal biscotto per poi depositarla delicatamente sul piattino del caffè. Intanto pensavo distrattamente: oggi devo scrivere la recensione di "Repertorio dei pazzi d'Italia". In quel momento ho intercettato lo sguardo attonito del barista che osservava le mie procedure per epurare il biscotto dall'ultima, riottosa mandorla. E sono scoppiata a ridere da sola. Repertorio dei pazzi, eh? Da che pulpito. In questo libro, dieci autori dipingono per noi i cosiddetti pazzi delle loro città, come in un quadro di Hieronymus Bosch. C'è uno che colleziona sacchetti per il vomito delle compagnie aeree, uno che dirige il traffico di piccioni in piazza, uno che va ai funerali degli sconosciuti forse per ottenere un illecito scambio di abbracci, una che aspetta ore e ore il veterinario per poi chiedergli soltanto: "Dottore, ma in inverno i grilli muoiono?" E poi c'è uno che conta le piastrelle della cucina. Ma, dico, chi di noi non l'ha mai fatto? "Il Repertorio dei pazzi d'Italia" - e questo è il suo bello - annovera pazzi di ogni genere. Oltre ai pazzi classici (e non so se mettere tra virgolette pazzi o classici), incontriamo anche pazzi d'amore, pazzi per un ideale, pazzi per la moda, pazzi per i gatti, pazzi come siamo un po' tutti noi che camminiamo in equilibrio precario e ondivago tra la salute mentale e la follia. Tant'è che per esempio, come ci racconta Roberto Alajmo, uno degli autori nonché curatore del libro, a Trieste in dialetto per dire uomo si dice matto. "Il Repertorio dei pazzi d'Italia" è un libro che non andrebbe letto tutto d'un fiato. Bisognerebbe soffermarsi su ogni storia, fare amicizia con ogni pazzo del repertorio, provando magari, attraverso la sua follia manifesta, a capire la nostra: più nascosta, più gestita, più piccola forse, ma non per questo meno folle. Non dimenticando tra l'altro che, se a togliere le mandorle come fossero insetti da laboratorio è una signora, benvestita (credo) e benvista nel quartiere (spero), va tutto bene. Ma se la stessa azione la compie una persona dall'apparenza meno regolare, scatta il pregiudizio. Sul rogo ci sono finiti - e metaforicamente ci finiscono ancora - tanti matti che matti non sono. Il dolore, se non si è abbastanza forti per sopportarlo, fa impazzire. Ma anche: il dolore, se si è così forti da accettarlo e manifestarlo, ci fa apparire pazzi. Per questo, come scrive Silvia Ballestra: "Per parlar di matti ci vuole rispetto".
Rossella Calabrò)

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Racconti e antologie letterarie » Romanzi italiani

Editore Il Saggiatore

Collana La cultura

Formato Brossura

Pubblicato  06/06/2012

Pagine  142

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788842818137


Curatore Raffaele Alajmo

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Repertorio dei pazzi d'Italia. Lunatici, giullari e matti che vengono per le nostre città"

Repertorio dei pazzi d
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima