Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Responsabilità della vita. Un confronto fra un credente e un non credente

by Umberto Veronesi - Giovanni Reale
pubblicato da Bompiani

Prezzo:
13,00 6,50
Risparmio:
6,50 -50 %
In promo:
3x2 su migliaia di libri
mondadori card 13 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo lunedì 30 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Sono ancora nelle mente di tutti alcuni casi che hanno turbato l'Italia: il caso Englaro, il caso Welby: casi in cui il diritto alla vita è sembrato scontrarsi col diritto alla cura, la libertà col dovere terapeutico. Su questi temi così controversi si confrontano in questo libro due voci diverse: quella di un laico - Umberto Veronesi - e quella di un credente - Giovanni Reale -, quella di un medico, impegnato nella cura del corpo, e quella di un filosofo, preoccupato per definizione dello spirito. A unirli, nel confronto dialettico delle ragioni dell'uno e dell'altro, la convinzione che la moderna medicina debba recuperare il fattore umano, come avveniva nella medicina antica, debba tenere in debito conto le sofferenze psicologiche prodotte dai mali fisici e, soprattutto, debba rispettare la libertà della scelta. Nessuno può decidere sulla vita di un uomo, e meno che mai può decidere lo Stato, per legge. L'autodecisione, per guanto riguarda la vita, è irrinunciabile. Togliere all'uomo l'autodecisione significa negargli la libertà, ossia il bene più grande che Dio gli ha dato. E per questo laici e credenti possono concordare.

Dettagli

1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
Responsabilità della vita. Un confronto fra un credente e un non credente andre.lova

Andrea Lovazzano - 17/07/2014 14:33

voto 3 su 5 3

Il contenuto del libro è molto stimolante in quanto affronta molti aspetti della vita, facendo particolare riferimento a casi noti al pubblico. Larchitettura dellopera è strutturata in forma di dialogo fra due personaggi di rilievo, seppur appartenenti a due mondi culturali e religiosi molto distanti fra loro. Di particolare interesse è la critica, sempre positiva e costruttiva, che si instaura fra i due autori, uno appartenente al mondo umanistico-filosofico, laltro invece, eminente esponente del mondo scientifico-tecnologico, più specificatamente della ricerca applicata. A mio avviso, quello che si avverte in primo luogo, è la straordinaria passione ed interesse che i due autori riescono a trasmettere al lettore: un legame molto forte che mette in relazione la formazione personale e professionale e i grandi temi della vita e le responsabilità che da essa derivano. Ho trovato molto piacevole la lettura di entrambi gli autori, anche se la parte curata dal Prof. Veronesi, è più scorrevole e coinvolgente, specialmente nei passi dove viene ricordato il valore, limportanza e, conseguentemente, le ricadute che le alcune scelte di vita hanno sulla nostra esistenza e sugli altri soggetti che si relazionano con noi. Con la sua innata e spontanea sensibilità, il Prof. Veronesi invita ad una profonda riflessione sui grandi temi della vita, specialmente di natura bioetica, oggi sempre più emergenti ed attuali. Personalmente, consiglio questo libro a chi non solo vuole approfondire le proprie conoscenze in relazione del diritto alla vita (e dei suoi doveri) ma anche a chi pensa liberamente, con mente aperta, e comprende che la vita è un dono e va salvaguardata in tutte le sue forme e al contempo che la dignità deve essere riconosciuta ad ogni essere umano a qualsiasi età, in qualsiasi luogo, ora e per sempre.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima