Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Schermi proibiti. La censura in Italia 1947-1988

by Alfredo Baldi
pubblicato da Marsilio

Disponibile.
16 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Dall'immediato dopoguerra alle soglie dell'ultimo decennio del secolo, la censura - quella riottosa e politica delle stagioni neorealistiche, quella più blanda e soltanto sessuofobica successiva alla legge del '62, quella degli anni'70 e '80, fatta di vacillanti sonnambulismi e scomposti risvegli - ha colpito moltissimi film: ora bocciandoli integralmente, ora vietandoli ai minori, ora tagliuzzandoli. In oltre 3000 casi, infatti, le commissioni di censura hanno subordinato il proprio visto aIl'eliminazione, dal film, di una o più inquadrature, quando non una o più sequenze: per una lunghezza che va dai pochi decimetri a varie centinaia di metri, ovvero da mezzo secondo a mezz'ora.Tutti i 'tagli' conservati presso la Scuola Nazionale di Cinema sono stati visionati dall'autore che ha selezionato le schede di 462 film, soprattutto italiani, di cui descrive dettagliatamente le scene 'amputate', accompagnandole con oltre 180 foto tratte direttamente dai fotogrammi incriminati. E' possibile così verificare le manomissioni subite da opere di autori come Antonioni, Bertolucci, Brass, De Sica, Fellini, Lattuada, Leone, Monicelli, Pasolini, Risi, Rossellini e Visconti, tra gli italiani, Bergman, Bunuel, De Palma, Godard, Losey, Siegel,Truffaut e Wilder, tra gli stranieri. Possiamo esaminare fotogrammi inediti con Totò, Sofia Loren, Franchi e Ingrassia, Marilyn Monroe, Kim Novak, Julie Christie, Catherine Spaak, Nadia Cassini, Gloria Guida, Edwige Fenech, Stefania Sandrelli, Monica Guerritore, con i falsi 'snuff' di Ruggero Deodato e Umberto Lenzi, con gli 'horror' di Lucio Fulci e Lamberto Bava. Ma, soprattutto, possiamo renderci conto di come sia mutata l'etica del visibile e quanto sia evoluto lo stesso concetto di 'comune sentimento del pudore' nel corso di un quarantennio cruciale della storia italiana.

Dettagli

Generi Politica e Società » Comunicazione e Media » Cinema » Controversie etiche » Censura , Cinema e Spettacolo » Cinema » Cinema, altri titoli

Editore Marsilio

Collana Biblioteca di Bianco & Nero. Quaderni

Formato Illustrato

Pubblicato 01/01/2002

Pagine 221

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788831781534

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Schermi proibiti. La censura in Italia 1947-1988"

Schermi proibiti. La censura in Italia 1947-1988
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima