Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Scusate se ho quindici anni
Scusate se ho quindici anni

Scusate se ho quindici anni

by Zoe Trope
pubblicato da Einaudi

9,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

La sua identità è anonima: Zoe Trope è un "nom de plum", così come lo sono i nomi degli altri personaggi che entrano in scena nel racconto. Non ci sono orrori in questo mondo: Zoe non è una vittima, i suoi genitori le vogliono bene, i suoi professori, di massima, la stimano. Ma tutto questo è visto sotto la lente di un'intelligenza acuminata come un rasoio, che va dritta al punto, non risparmia niente e nessuno, non conosce luoghi comuni e rifiuta le imposizioni e le leggi del 'coro'. 'Linux Shoe' suona il violoncello, ascolta Mozart ed è l'amico, il confidente. 'Scully' le ha rubato il cuore. 'Go' ora è sua nemica. 'Wonka Boy' è lagnoso, "è quindicenne dentro". 'Braid Bitch' "scopa allargando tutti i denti". 'Techno Boy' è in cerca di una ragazza "che non gli divori il cuore con un coltello da bistecca". 'Vegan Grrl' è un genio in tutto e "vuole salvare il pianeta". E ci sono poi tutte le altre amiche e amici. E i professori, e anche Paul Revere, il ragazzino eroe nazionale americano. E lei? Lei porta Birkenstock e Doctor Martens, ascolta Tori Amos Joni Mitchell Harvey Danger e si augura che i Weezer diventino famosi come i 'NSYNC. Si definisce "PoMosexual", omosessuale postmoderna, perché non sopporta la parola 'gay'. E sa che la sua vita è "tutta bugie e refusi", scandita com'è tra un discorso di Bush e i luoghi comuni in cui tutti vorrebbero imbrigliare quelli come lei. "Come ci definite? Teenagers? Vi piace semplicemente chiamarci cosí? Siamo comici? Grasso e tette infantili, cazzi che non servono a niente, rossetto sui denti. Per voi siamo come piccoli replicanti e vi mettiamo a disagio. Ridete perché siamo voi". Lei invece sa che tutto "è solo amore", compresa la sua rabbia. Lei, il giorno dell'11 settembre, vede la gente che scappa dalla polvere e dai calcinacci, e riabbassa gli occhi sul suo bottoncino verde che si è staccato dalla camicia. Poi piange. Il giorno dopo, però.
"Zoe Trope è stupefacente. È un'autrice in grado di esprimere moltissimi sentimenti in modo meravigliosamente autentico. La sua non è una delle solite storie divertenti che negli anni abbiamo imparato ad apprezzare. È qualcosa di molto piú interessante. È arte". Jonathan Safran Foer

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Storie vere , Storia e Biografie » Storie vere

Editore Einaudi

Collana Einaudi. Stile libero

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2003

Pagine 253

Lingua Italiano

Titolo Originale Please, Don't Kill the Freshman

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788806166700

Traduttore Cristiana Mennella

torna su Torna in cima