Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Sempre meglio che lavorare. Il mestiere del giornalista
Sempre meglio che lavorare. Il mestiere del giornalista

Sempre meglio che lavorare. Il mestiere del giornalista

by Michele Brambilla
pubblicato da Piemme

Prezzo:
14,50 6,52
Risparmio:
7,98 -55 %
mondadori card 13 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo venerdì 31 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

Alcuni dei peggiori lavativi del mondo sono giornalisti: dal genio incompreso allo specialista della pausa-caffè, dall'inviato specializzato nelle creste sulle note spese, al freelance sempre in viaggio verso mete esotiche per scoop immaginari... per non dire delle partite a poker in redazione e delle riunioni sindacali per decidere la partita di calcio fra scapoli e ammogliati. Attraverso aneddoti, episodi e curiosità, Brambilla ci fa entrare nelle redazioni dei grandi quotidiani italiani per scoprire come si vive dietro le quinte del palcoscenico dell'informazione, fino a comporre un identikit divertente e irriverente del giornalista. Senza dimenticare, con un po' di nostalgia, i ritratti dei grandi personaggi del passato "visti da vicino", da Montanelli a Luca Goldoni, da Buzzati a Biagi, da Terzani alla Fallaci, e raccontando i vezzi dei protagonisti del presente, da Mieli a De Bortoli, da Belpietro a Feltri. Un racconto su come vive un giornalista e su come si vive nei giornali per sorridere di un mestieraccio.

Dettagli

Generi Politica e Società » Comunicazione e Media » Giornalismo e editoria » Studi sulla comunicazione , Economia Diritto e Lavoro » Studi di Settore » Industria dei media

Editore Piemme

Formato Brossura

Pubblicato  18/02/2008

Pagine  218

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788838488719


2 recensioni dei lettori  media voto 1  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
1
Sempre meglio che lavorare. Il mestiere del giornalista

Anonimo - 24/01/2009 12:59

voto 1 su 5 1

Un raccontino scialbo sulla vita redazionale, composto da capitoletti noiosi. Nel complesso mediocre: vuoto, piatto, stucchevole. Ingannano le prime pagine, in cui si ha veramente l'impressione che l'autore descriva il proprio mestiere. Ma subito ci si accorge che a Brambilla piace andare fuori tema in maniera esageratamente dispersiva. L'interesse del lettore si desta un attimo con le citazione di Montanelli e Biagi per poi ricadere in stato comatoso. Nulla di particolarmente interessante: agiografia barbosa dei vari direttori di giornale; lodi sperticate a chiunque si sia incontrato sul cammino; apologia della ''mala'' di un tempo (che riempiva la nera sì di ammazzamenti, ma fatti con classe e rispettando un ''codice d'onore''). Patetico, poi, l'accostamento del giornalista ai redattori dei testi sacri, così come l'elogio di un bigottismo linguistico di altri tempi, confuso per rimpianta austerità morale. Ma due sono gli aspetti che mi hanno colpito negativamente: la concezione di fedeltà alla verità e l'imprescindibilità dal colore politico dell'editore. Riguardo la prima, l'autore espone la bizzarra idea che la verità non vada raccontata perché il fatto DEVE (se non altro per deontologia professionale) arrivare dritto e "sano" a chi legge, ma perché la pena, nel non farlo, è essere sbugiardati dai giornali ''avversari". Ancor più sconcertante è l'idea di non poter godere di una piena indipendenza rispetto all'aderenza politica del ''padrone''. Che sia così nella realtà e che i giornali, in genere, si tengano fedeli al credo di chi caccia i soldi, è un conto; che DEBBA essere così, è un altro paio di maniche. Non per niente, Indro Montanelli (cui l'appellativo di ''grande'', che nel libro è regalato un po' a chiunque, va tutto), con la scesa in campo di Berlusconi - e alle prime avvisaglie di controllo dall'alto - lasciò Il Giornale. In sostanza, il libro è deludente e oltremodo costoso.

Sempre meglio che lavorare. Il mestiere del giornalista

Anonimo - 14/11/2008 23:50

voto 0 su 5 1

Non vedo l'ora di leggerlo tutto..le prime pagine sono entusiasmanti e...realissime!!!!!! Splendidooo

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima