Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

#Socialmuseums. Social media e cultura, tra post e tweet
#Socialmuseums. Social media e cultura, tra post e tweet

#Socialmuseums. Social media e cultura, tra post e tweet


pubblicato da Silvana

25,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Questo X Rapporto dell'Associazione Civita affronta un tema non solo "alla moda" ma decisamente strategico nello scenario della comunicazione culturale contemporanea: il rapporto che intercorre fra social media e mondo della cultura. Le organizzazioni culturali che, non vivendo ripiegate su se stesse, si sono aperte a nuovi pubblici hanno fatto ricorso all'uso del web e dei social media. Attraverso questi ultimi hanno potuto "ascoltare" i propri fruitori attuali e potenziali e favorire la costruzione di una comunità i cui elementi forti sono la "non spazialità", affidandosi esclusivamente ad un luogo virtuale, e l'immediatezza della comunicazione. Da qui bisogna partire per comprendere il senso di questo volume, il cui obiettivo principale è indagare in che modo il diffondersi dei media digitali modifichi la natura stessa dell'istituzione culturale, trasformando i paradigmi tradizionali di produzione, fruizione e comunicazione, in virtù di un rinnovato rapporto con l'utenza. Il Rapporto è composto da due sezioni. Nella prima si dà conto di una ricerca sul campo che mostra sia come l'uso dei social abbia modificato le politiche di offerta delle istituzioni museali, sia il modo in cui gli italiani si interfacciano online, e con quali aspettative, con il mondo della cultura. Nella seconda sezione si illustrano i diversi aspetti della comunicazione culturale "social" attraverso il punto di vista di alcuni fra i maggiori esperti italiani.

torna su Torna in cima