Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Suggeritore (Il)
Suggeritore (Il)

Suggeritore (Il)

by Donato Carrisi
pubblicato da Longanesi

15,81
18,60
-15 %
18,60
Disponibile.
32 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Ancor prima dell'uscita in libreria, questo romanzo ha provocato un vortice di ammirazione e di attesa, tanto da essere già in via di pubblicazione nei maggiori paesi europei. Non è solo un thriller scritto da un autore italiano agli esordi, che si confronta con un genere finora appannaggio dei grandi autori americani, reinventando le regole del gioco. È molto di più: è una storia che non dà tregua, che esplora la zona grigia fra il bene e il male fino a cogliere l'ultimo segreto, il minimo sussurro. Qualcosa di sconvolgente è successo, qualcosa che richiede tutta l'abilità degli agenti della Squadra Speciale guidata dal criminologo Goran Gavila. Il loro è un nemico che sa assumere molte sembianze, che li mette costantemente alla prova in un'indagine in cui ogni male svelato porta con sé un messaggio. Ma, soprattutto, li costringe ad affacciarsi nel buio che ciascuno si porta dentro. È un gioco di incubi abilmente celati, una continua sfida. Sarà con l'arrivo di Mila Vasquez, un'investigatrice specializzata nella caccia alle persone scomparse, che gli inganni sembreranno cadere uno dopo l'altro, grazie anche al legame speciale che comincia a formarsi fra lei e il dottor Gavila. Ma un disegno oscuro è in atto, e ogni volta che la Squadra sembra riuscire a dare un nome al male, ne scopre un altro ancora più profondo.

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Thriller e suspence , Romanzi e Letterature » Legal, Thriller e Spionaggio

Editore Longanesi

Collana La Gaja scienza

Formato Rilegato

Pubblicato 15/01/2009

Pagine 468

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788830426443

36 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
17
4 star
4
3 star
6
2 star
4
1 star
1
Suggeritore (Il) emanuele.melli

EMANUELE MELLI - 21/02/2015 14:15

voto 2 su 5 2

L'incipit è interessante, ma bisognerebbe fermarsi lì perchè il resto del libro è davvero brutto e scritto male. Per voler essere un thriller non ha assolutamente ritmo, inoltre i dialoghi sono banali, i personaggi noiosi e i colpi di scena talmente inverosimili da risultare imbarazzanti. Per rendere il tutto ancor meno interessante, l'autore nasconde pure l'ambientazione. Il vero mistero è come abbia fatto questo libro a vincere il premio Bancarella, ma considerando che il premio l'ha ricevuto da Romano Battaglia forse non è un gran mistero neanche questo. Questo è il primo libro che leggo di Carrisi e penso che se questo è il miglior scrittore italiano di thriller, siamo messi davvero male.

Suggeritore (Il) puotta

puotta - 18/02/2015 14:05

voto 5 su 5 5

ho comprato questo libro più per curiosità sull'autore che per un vero interesse per la trama...ma dopo poche pagine mi sono resa conto che è un ottimo thriller..scritto bene, pieno di colpi di scena e con una psicologia molto sottile su i personaggi...bello veramente bello...bravo carrisi

Suggeritore (Il) moonlovevea

Veronica Fidanza - 28/06/2014 15:40

voto 5 su 5 5

Thriller stupendo, da non perdere... Colpi di scena inaspettati. Io non riuscivo a staccarmi dalle pagine!

Suggeritore (Il) ninhita

alessandra pacelli - 22/05/2013 13:53

voto 5 su 5 5

Un libro fantastico,ti coinvolge in ogni punto,in ogni momento. La trama è ben sviluppata,e nonostante alla fine non ci sia nè una data,nè un luogo preciso,riesci perfettamente ad ambientarlo. Si capisce bene che è uno sceneggiatore,il libro è ricco di dettagli,nella mente riesci a riprodurre esattamente ciò che descrive!e alla fine,come ogni thriller rispettabile,anche il colpo di scena non manca..Insomma,un libro che ho consigliato e continuo a consigliare a tutti,e sper un giorno ci facciano un film perchè si presta benissimo!

Suggeritore (Il) bibi123

ines casco - 21/05/2013 15:20

voto 5 su 5 5

Mi è piaciuto molto, letto tutto d'un fiato in una insonne notte! Appena chiuso sull'ultima pagina avrei voluto ricominciare, per ripercorrere l'itinerario tracciato dal suggeritore ed apprezzare dei passaggi che solo a posteriori, procedendo nella lettura, ho riallacciato alla trama.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 30/07/2012 16:30

voto 5 su 5 5

ho fatto un unico errore...leggere prima "Il Tribunale delle anime" e poi "Il suggeritore"...ma in ogni caso non ho più dubbi...Donato Carrisi è uno straordinario autore di thriller, allo stesso livello dei grandi scrittori di fama internazionale...

Suggeritore (Il)

Anonimo - 08/03/2012 09:39

voto 5 su 5 5

Ho acquistato il libro in edizione economica perché aveva un forte sconto e praticamente ho fatto 13. Un ottimo libro con lo sconto del 30%, l'ho letto talmente veloce che probabilmente lo rileggerò per apprezzarne a pieno le sfumature. Ho letto anche commenti negativi che francamen non mi spiego...forse sono io che non ho il palato troppo fine...comunque di certo acquisterò anche 'per esclusione' visto che sotto qualcuno dice che 'il suggeritore' non si avvicina neppure lontanamente al suo livello.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 01/12/2010 16:33

voto 5 su 5 5

Intrigante, inaspettato, crudo, forte, scritto bene senza fronzoli dotti. Quasi come una cronaca, da leggere tutto d'un fiato, anche perché non si può fare altrimenti!

Suggeritore (Il)

Anonimo - 16/03/2010 15:35

voto 5 su 5 5

Molto bello, intrigante ed inaspettato il finale.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 07/12/2009 17:44

voto 3 su 5 3

Si fatica un pò all'inizio, ma poi la trama decolla e il libro diventa più accattivante. Fino alla fine, dove tutto ci si è aspettati tranne quello che viene raccontato. Secondo me, comunque, il fatto che i luoghi non siano stati realmente definiti è una pecca, seppur di modesta entità: infatti questo mi ha impedito di immaginare appieno le scene narrate. Inoltre, i personaggi a mio avviso, non sono curati in modo esauriente. Quella che davvero vale la pena discutere è l'idea di fondo su cui poggia la trama, ovvero i delitti "suggeriti" da una persona che ha la capacità di influenzare cosi fortemente ed intesamente gli altri al punto da indurli ad uccidere, addirittura le uniche persone che ama (vedi Goran Gavila)! Lo vedo un tema molto interessante, però questa bella idea di fondo avrebbe dovuto essere corredata da una storia più credibile nel complesso (non sono pochi gli episodi effettivamente poco verosimili o troppo "spinti"). Il finale è da un lato appassionante, ma dall'altro un po' tirato via, quanto meno particolare direi. In più, il vero suggeritore, viene solo di striscio citato, senza essere caratterizzato in nessun modo (tranne che per una sua descrizione fisica). Addirittura alla fine svanisce nel nulla come niente fosse. Chissà, il preludio ad un sequel... Consiglio in ultimo di leggere il libro tutto d'un fiato altrimenti si rischia seriamente di perderne il filo conduttore (la carne a cuocere è davvero tanta).

Suggeritore (Il)

Anonimo - 11/11/2009 23:36

voto 5 su 5 5

Infanzia violata, vite strappate, una corsa contro il tempo alla ricerca di una bambina rapita, questi gli ingredienti de "Il Suggeritore" dello scrittore esordiente Donato Carrisi. Un libro che, in tutte le sue pagine, è intriso di atmosfere torbide ed è una continua caccia all'uomo a cui una squadra deve dare un volto ed un nome, analizzando macabri ritrovamenti, scene del crimine cruente ed a tratti splatter con raziocinio ed anche con un duro lavoro di brainstorming, vengono vagliati modus operandi che sembrano ogni volta svelare una sorta di comunicazione con gli investigatori. Un profiler caratterizzato da una pressochè totale incapacità di immedesimarsi con la vittima, caratteristica che l'accomuna molto al serial killer e che quindi gli conferisce una "marcia in più", l'assenza di "empatia" che in molte occasioni sfocia in una sorta di autolesionismo terapeutico, frutto di un trauma del passato che sarà costretta a rivivere. Ottima la caratterizzazione dei personaggi ed altrettanto ottima la descrizione delle scene del crimine frutto di un duro e lungo lavoro di ricerca e dei tanti corsi di criminologia frequentati dall'autore. Il lettore si trova perciò a riannodare fili, pagina dopo pagina, e a fare congetture, seguendo il sentiero tracciato dall'autore, vero deus ex machina del libro. L'autore riesce a centellinare la suspance, in un cammino alla ricerca del colpevole. Carrisi in questo libro compie un viaggio di esplorazione del male sino ad addentrarsi nella capacità di compiere il male e di auto infliggersi il male in un oblio di destini segnati, dove non ci sono veri colpevoli, ma in un certo qual modo sono entrambi vittime. Il mondo è diviso tra soldi che danno la perdizione e soldi che "salvano". Non manca un riferimento agli scenari futuri della carenza di acqua. Un viaggio nell'inferno in cui chi ne è uscito ne conserva comunque i segni. Il lato oscuro degli uomini, come in un quadro di Bosch la società è dipinta nel peccato, annichilita, sull'orlo del baratro come in una apocalisse dalle molte sfaccettature in cui, ogni il giorno il male si ritaglia spazi sempre più grandi e dal quale emergono personaggi venuti fuori dall'abisso di qualche sperduto angolo ai margini del mondo dove "Dio è silenzioso" e "il diavolo sussurra". Il libro si è imposto anche a livello internazionale e sta riscuotendo numerosi consensi In Italia, entrato prepotentemente nella classifica dei bestseller con un finale da cardiopalma come nella migliore tradizione dei thriller tv, molti i film che vengono alla mente leggendo questo libro, da "il silenzio degli innocenti" a "i soliti sospetti", di quelli che ti incollano alla poltrona e che nel finale dimostrano tutta la forza rimettendo in discussione ogni cosa. Non ci resta che aspettare un seguito sperando presto in una trasposizione cinematografica che sarà un sicuro successo. Grande Donato Carrisi. Alessandro

Suggeritore (Il)

Anonimo - 10/11/2009 02:30

voto 1 su 5 1

Su questo libro è stata organizzata una campagna pubblicitaria enorme e credo che questo ne spieghi il successo. Vuoto, pretenzioso e scopiazzato. Non mi è piaciuto per niente.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 06/11/2009 13:27

voto 3 su 5 3

L'ho acquistato al buio (lo ammetto non seguo le pubblicità), e devo dire che è migliore di molti americani letti in precedenza. Tuttavia a mio parere è infarcito di troppi colpi di scena. Sembra quasi che l'autore voglia dimostrare di essere un fenomeno gia dalla sua prima opera.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 15/10/2009 00:36

voto 5 su 5 5

Libro molto bello che prende dall'inizio alla fine, specie nella parte centrale. Può essere considerato un susseguirsi di storie a se stanti (a mio parere) con un finale non all'altezza della parte centrale. Sembra un pò frettoloso. Il libro merita il massimo non tanto per il thriller (ripeto dal finale non prorpio eccelso) ma per la struttura della storia, per i temi nuovi trattati, per la creazione di stati d'animo ma soprattutto per la descrizione di molteplici personaggi caratterizzati in modo diverso da verie esperienze e problemi presenti nella vita di tutti i giorni (esempio la situazione di gelo quando viene riportata una bimba a casa ritrovata dopo molti anni...). Il successo di vendita è meritato, visto che il giallo italiano sembra di nuovo entrare in panne e personaggi del calibro di Faletti deludono volendo per forza copiare gli americani! Non esiste un thriller più bello di quello all'italiana!!!

Suggeritore (Il)

Anonimo - 04/09/2009 14:32

voto 3 su 5 3

Beh, che dire, se non che ogni giudizio è soggettivo (vedi sopra)? Carrisi mette insieme un buon plot, certo ispirato ai linguaggi e tecniche narrative dei "grandi". Ma non per questo è da scartare, anzi. Perchè li leggiamo volentieri, i grandi, se no? La delocalizzazione assoluta è originale ed intrigante, anche se a volte, è vero, spiazza. L'intrigo è ben congegnato e alcune parti non ti fanno staccare dalla lettura. Il finale poteva essere migliore, ma ...qual'era il finale migliore? In fin dei conti è un buon romanzo, non un capolavoro, ma buono. Consigliabile.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 03/09/2009 14:22

voto 4 su 5 4

Trascinante, ti prende e non riesci a staccarti fino alla fine. Bello!

Suggeritore (Il)

Anonimo - 03/09/2009 11:04

voto 4 su 5 4

Molto avvincente. Dopo averlo letto ho iniziato a leggere "Il Libro dei morti" (Kay Scarpetta) e mi sono annoiata. Se si inizia non si riesce a smettere di leggere fino alla fine e poi si vorrebbe andare ancora avanti.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 29/08/2009 12:56

voto 5 su 5 5

Stupendo, inizi a leggerlo e non ti stacchi fino a quando non sei arrivato all'ultima pagina. Consigliato.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 24/08/2009 23:53

voto 4 su 5 4

Ottimo libro. Mi è stato regalato e sul momento pensavo che sarebbe rimasto nella libreria per molto tempo. Invece un giorno l'ho preso ed ho iniziato la lettura... non sono riuscito a staccarmi! Bello, veramente bello... e ti tiene con il fiato sospeso fino all'ultima pagina...

Suggeritore (Il)

Anonimo - 10/08/2009 18:46

voto 2 su 5 2

Mah... Comprato sull'onda degli entusiastici commenti letti qua e là, devo ammettere che mi ha lasciata molto perplessa... In giro c'è di meglio, non c'è dubbio...

Suggeritore (Il)

Anonimo - 27/07/2009 11:34

voto 5 su 5 5

Ti tiene incollato dalla prima all'ultima pagina. Lo leggi tutto d'un fiato. Magistrale!

Suggeritore (Il)

Anonimo - 16/07/2009 13:04

voto 0 su 5 1

mi è piaciuto molto..e di thriller ne ho letti parecchi..io lo consiglio

Suggeritore (Il)

Anonimo - 06/07/2009 13:12

voto 2 su 5 2

niente di che. finale banale e prevedibile lo sconsiglio

Suggeritore (Il)

Anonimo - 12/06/2009 17:20

voto 3 su 5 3

discreto . molto pubblicizzato , molto bello nell'idea , scritto bene ma concluso maluccio . il non creare un luogo certo lascia spiazzati .

Suggeritore (Il)

Anonimo - 15/04/2009 16:57

voto 5 su 5 5

Ho letto questo libro in un lampo. Non mi aspettavo che mi prendesse cosi tanto...mi piace molto, come thriller...è completo...a volte non troppo esaustivo nell'ambito geografico, ogni tanto ci si perde, ma dove c'è da descrivere, argomentare e sottolineare, Carrisi ha veramente fatto un ottimo lavoro...veramente appassionante...molto coinvolgente!!!! Ho sentito seriamente l'ansia, lo stress e la frustrazione dei personaggi, che venivano in continuazone beffati da qualcuno che poteva anche non esistere, per quanto ne sapessero poco e niente....consiglio veramente di leggerlo....

Suggeritore (Il)

Anonimo - 14/04/2009 11:50

voto 5 su 5 5

Strepitoso, bellissimo!!!!!!!

Suggeritore (Il)

Anonimo - 26/03/2009 15:24

voto 3 su 5 3

Devo dire che non è un libro indimenticabile, però sarei meno severa di altri che hanno scritto. Il libro è scorrevole e direi completo. La figura comunque nuova del killer suggeritore l'ho trovata interessante e poco sfruttata. Piacevole.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 17/03/2009 18:29

voto 5 su 5 5

Bellissimo!!! Da lettrice di thriller, posso dire che era da tanto che un romanzo non mi prendeva così! Lo presto, lo regalo e ne discuto con gli amici: tutti concordi!

Suggeritore (Il)

Anonimo - 15/03/2009 10:30

voto 0 su 5 1

Leggo sempre i thriller in 3-4 giorni. Carrisi si legge in fretta, ma il suo tentativo di non definire esattamente i luoghi crea confusione. Inoltre, i personaggi non sembrano avere caratteristiche riconoscibili, dando l'impressione di essere solo ''spettatori esterni''. Brutta, bruttissima la parte conclusiva.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 07/03/2009 12:54

voto 0 su 5 1

Libro da dimenticare, chi legge i gialli stranieri capisce che questo ha solo copiato. Quel poco che ha aggiunto di suo è assurdo e non credibile. Non capisco perchè sia stato così publicizzato quando bei libri passano inosservati e solo col passaparola raggiungono il successo. Per questo il passaparola è: non leggetelo e se l'avete comprato (come me) non prestatelo, fareste brutta figura.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 04/03/2009 15:28

voto 5 su 5 5

Entusiasmante. Molto bello, ritmo incalzante senza mai una pausa. Trama ben congegnata e personaggi mai banali.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 02/03/2009 14:39

voto 2 su 5 2

Libro nella norma. Niente di così sconvolgente. Leggibile, ma niente di più, con qualche ingenuità di troppo. Non siamo certo ai livelli di Per esclusione (e non lo cito a caso, visto che anche in quello si parla di bambini) come suspence e coinvolgimento emotivo.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 26/02/2009 13:52

voto 0 su 5 1

Scoppiazzatura del grandissimo JEFFERY DEAVER. Confuso e poco credibile. Come al solito gli scrittori italiani sono sempre poco interessanti.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 17/02/2009 16:57

voto 5 su 5 5

Donato Carrisi merita un grosso applauso!! Sono un amante dei thriller e devo dire che ne ho letti pochi di così coinvolgenti. In modo particolare l'ultima parte del libro che è piena di suspense e di colpi di scena che ti tiene attaccato al romanzo con il fiato sospeso. Alla fine il cerchio si chiude, tutte le domande e gli interrogativi hanno una risposta ed il finale ''leggermente aperto'' spero sia per un possibile seguito perchè in tal caso sarà sicuramente uno dei miei prossimi acquisti. I miei complimenti a questo scrittore che per essere all'esordio è riuscito a costruire un thriller magistrale!

Suggeritore (Il)

Anonimo - 07/02/2009 18:05

voto 3 su 5 3

Sto leggendo il libro e l'ho quasi finito. Ci sono alcune cose che mi lasciano perplessa: ad esempio, non si nomina mai il luogo dove si svolge, a volte si ha l'impressione di essere negli USA, a volte in Svezia o comunque in un paese scandinavo. Anche i nomi dei poliziotti sono di origini diverse. E' un po' strano. Mi piacerebbe leggere qualche commento.

Suggeritore (Il)

Anonimo - 04/02/2009 18:08

voto 4 su 5 4

Bello, l'ho letto in un fiato. Il ritmo e la storia prendono subito. Il libro è scritto come i migliori racconti sui serial killer americani, senza pagine lente e senza dettagli raccappriccianti ma spiegando chiaramente l'evoluzione dell'indagine. Vale la pena leggerlo!!

Recensioni successive...

    Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

    usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
    torna su Torna in cima