Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Tatemije
Tatemije
12,75
15,00
-15 %
15,00
Disponibile.
26 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Fra i poeti nati nel dopoguerra, o con loro operanti, un' ala minoritaria ma non secondaria va a intensificare peculiari e diversi rapporti della poesia con la realtà. È quanto vuole fin qui sottolineare la Collana Argani, prima con Franco Loi, poi con Guido Oldani, cui ora si aggiunge Assunta Finiguerra con la raccolta postuma in dialetto lucano Tatemije (Padre mio). Il campo di battaglia, dove si consuma il corpo a corpo fra la protagonista e il male, si restringe alla propria valle, poi casa, quindi persona. Le stelle sono come armenti testimonianti chiamati a raccolta. Dio è padre e nemico, il padre attanaglia la memoria, assente e a ridosso. La realtà è granulare, e la si sente con il fiato grosso, e neanche l 'amore, quando mai, mantiene le promesse. Gli oggetti e le metropoli sono lontani e il vento dello spirito soffia dove vuole, cioè qui, perché questo scenario contenutissimo e aspro è il luogo dove si può esprimere, al meglio, la propria delusione per l' altrove, anche metafisica, e trovare il coraggio per saper giungere fino alla lirica dell 'invettiva. Non c 'è timore per niente e nessuno, sia esso il cielo o il trafiggimento che viene dal dolorare. Il linguaggio è diretto e frontale, scorciato fin quasi senza scampo, ma altrettanto, quasi miracolosamente, dice proprio tutto quel che c'è da dire; come in parabole in cui, per esprimere l'infinito, il lessico necessario non ha affatto bisogno di esserlo lui pure. È il momento in cui si appalesa la tenuta del poeta, che è forte e risoluta. Il campo semantico, dunque, si restringe fino ad affilarsi, ma le bordate per tenerlo dilatato sono continue, delicatissime e al contempo poderose. Si può cantare qualunque situazione, versando in qualsivoglia condizione. Il poeta può trasformare la penuria o l'aggravio in posizione di privilegio del canto. Assunta Finiguerra lo fa da poeta di rango, utilizzando una delle tante insopprimibili lingue della letteratura europea. La tenerezza, l'ironia, fin quasi lo scherno, nei versi sfrontati e accorati di questa poetessa, stanno a indicare l'ottenimento di una leggerezza che può essere anche l'ossimoro di una, oggi, troppo a lungo temuta ponderosità.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Poesia

Editore Mursia (gruppo Editoriale)

Formato Brossura

Pubblicato 23/06/2010

Pagine 114

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788842546245

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Tatemije"

Tatemije
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima