Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La Terra vista dal'alto. Breve storia della militarizzazione dello spazio
La Terra vista dal'alto. Breve storia della militarizzazione dello spazio

La Terra vista dal'alto. Breve storia della militarizzazione dello spazio

by Filippo Pigliacelli - Filippo Pignacelli - Lorenza Sebesta
pubblicato da Carocci

12,95
18,50
-30 %
18,50
Disponibile.
26 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Lo spazio, come l'alto mare, è l'unico terrain vague che ancora rimane al mondo. Non solo non appartiene a nessuno, ma è patrimonio di tutti. Tramite strumenti legali universalmente riconosciuti, negli anni sessanta del secolo scorso, la comunità internazionale decise infatti di sancire questa anomalia per certi versi rivoluzionaria, vietandone, inoltre, l'utilizzo a fini bellici e obbligando i firmatari ad agire in questo contesto "per il bene dell'umanità". Ciò nonostante, lo spazio e molti degli strumenti che vi transitano hanno, e hanno avuto nel passato, un ruolo militare importante, un ruolo che il mutare della natura dei conflitti armati contemporanei rende sempre più cruciale.

Dettagli

Generi Politica e Società » Politica e Istituzioni » Relazioni internazionali

Editore Carocci

Collana Frecce

Formato Brossura

Pubblicato 01/10/2008

Pagine 193

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788843046836

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La Terra vista dal'alto. Breve storia della militarizzazione dello spazio"

La Terra vista dal
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima