Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Tito di Gormenghast
Tito di Gormenghast

Tito di Gormenghast

by Mervyn Peake
pubblicato da Adelphi

11,90
14,00
-15 %
14,00
Disponibile.
24 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Apriamo questo libro e ci troviamo in un mondo parallelo al nostro. E Gormenghast, un immane castello, che nessuno dei suoi abitatori ha percorso in tutti i suoi anfratti. Un tempo, doveva essere pieno di tinte squillanti: ora è un intreccio di crepe, e le tinte sfumano fra grigio, verde lichene, rosa antico e argento. Vi incontriamo esseri disparati: un nobile melanconico e saturnino, settantaseiesimo conte di Gormenghast, che è il reggitore del luogo; sua moglie, avvolta in una nube di gatti bianchi; la figlia, selvatica e sognante fra giocattoli vecchi, libri e pezze di stoffa; dignitari di cartapecora, dalle gambe di ragno, custodi di un ordine ormai inaridito; orripilanti figuri che sovraintendono alle cucine; giovani acrimoniosi, che covano la rivolta. Ma c'è qualcosa che unisce questi personaggi: il loro corpo e la loro psiche sono una concrezione del castello - così come il castello è una concrezione del loro essere. Nessuna vita è per loro concepibile al di fuori di quei corridoi di pietra, di quei saloni, di quelle torri, di quei solai. La natura non esiste, se non come riflesso del castello, dove la polvere è polline: perché Gormenghast è tutto. La nascita di un erede maschio, Tito di Gormenghast, porterà una minaccia di cambiamento, per il solo fatto di essere qualcosa di nuovo. E qui ha inizio la saga narrata da Peake, un'impresa grandiosa della letteratura fantastica - e insieme un vasto disegno allegorico che traspare dietro l'esuberanza delle immagini.

La nostra recensione

In alcuni, pochi casi per la verità, le etichette e le categorie di genere risultano talmente restrittive da non riuscire a cogliere l’originalità di un’opera letteraria. È successo per esempio alla trilogia di “Gormenghast” di Mervyn Peake che, uscita tra 1946 e 1959, ha vissuto tra alterne fortune la sua “ingiusta” sorte di libro di genere fantasy. In Italia è arrivata tardissimo, soffocata da ben altre vette fantasy (superfluo citare Tolkien). Eppure la trilogia che ha inizio con questo romanzo, Tito di Gormenghast, è tutta da scoprire e la scoperta, ve lo assicuro, è affascinante. Rotte le catene di genere ci caliamo in un mondo immaginario, dove però non incontriamo esseri soprannaturali, né forze soprannaturali né fate né maghi né elfi né giganti, solo uomini. Speciali, però, eccezionali in alcuni casi, mostruosi anche, fisicamente e spiritualmente. Nessuno è propriamente bello e nemmeno gradevole; tutti i personaggi che si aggirano per il labirintico e fatiscente castello di Gormenghast hanno tratti acuti, pesanti, surreali tanto sono contorti, ma mai fantastici, sempre aggrappati alla loro concretezza fisica, a contorni di umanissime passioni e pulsioni. Tutto il romanzo è dominato dallo sconfinato e indecifrabile castello e dai dintorni ingarbugliati, circondati e penetrati da una natura estrema e aggressiva: qui vivono i nostri personaggi, qui si svolge una quotidiana esistenza regolata da antichi e rigidissimi rituali. Sepulcrio, Fucsia, Lisca, Sugna, Filostrazio, Agrimonio, Ferraguzzo, questi i nomi dei protagonisti, nomi che starebbero bene in un romanzo di Dickens o in un libro umoristico per bambini, che però di quella comicità e leggerezza conservano solo l’involucro. Al castello accadono però due eventi che ne sconvolgono le consuetudini stagnanti: la nascita dell’erede Tito e la contemporanea intrigante ascesa dell’astuto e ambizioso Ferraguzzo, da qui in poi il vero artefice degli avvenimenti futuri. Atmosfere fosche e impressioni sfolgoranti ci accompagneranno nel corso di una lettura che assume caratteristiche cangianti: ironica, intimista, descrittiva, crepuscolare, espressiva, epica, grottesca e allegorica, il tutto miscelato in un’esuberanza linguistica avvolgente e inebriante.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Fantasy , Fantasy Horror e Gothic » Fantasy

Editore Adelphi

Collana Gli Adelphi

Formato Tascabile

Pubblicato 20/01/2014

Pagine 545

Lingua Italiano

Titolo Originale Titus Groan

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788845928642

Traduttore Anna Ravano

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Tito di Gormenghast"

Tito di Gormenghast
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima