Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Tu mi devi seppellir. Riti funebri e culto nazionale alle origini della Repubblica
Tu mi devi seppellir. Riti funebri e culto nazionale alle origini della Repubblica

Tu mi devi seppellir. Riti funebri e culto nazionale alle origini della Repubblica

by Guri Schwarz
pubblicato da Utet

Prezzo:
23,00 10,35
Risparmio:
12,65 -55 %
mondadori card 21 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo giovedì 6 aprile.  (Scopri come).

Descrizione

Sin dalle origini dello stato-nazione l'obbligo dei cittadini di offrire la propria disponibilità al sacrificio per la difesa della patria trova un rispecchiamento nel dovere dello stato di onorare degnamente tale devozione. Dopo il 1945 i morti italiani cui spettava una degna sepoltura non erano solo molto numerosi, ma anche eccezionalmente vari per tipologia. Guri Schwarz prende in esame le difficoltà incontrate dalle istituzioni statali nel gestire lutti tanto diversificati. L'analisi muove dalla ricostruzione dei rituali patriottici del 25 aprile e del 4 novembre, intesi in primo luogo come grandiosi riti funebri. Sono poi ricostruite la genesi del mausoleo delle Fosse Ardeatine, la costruzione del cimitero monumentale di El Alamein, la sepoltura dei caduti italiani a Cefalonia e la costruzione del cimitero di Monte Lungo. L'analisi mette in relazione le spinte provenienti dal basso, da una società civile in cui prolifera una miriade di associazioni impegnate nel culto dei caduti, con le strategie commemorative calate dall'alto, da istituzioni statali e grandi partiti. Attraverso la ricostruzione dei rapporti variabili tra questi agenti sociali, nonché per mezzo dell'esame dei codici culturali e dei sistemi simbolici per mezzo dei quali venivano gestiti i lutti, risultano leggibili la genesi delle narrazioni consolatorie fondanti l'autorappresentazione nazionale, ma anche i processi di riorganizzazione del tessuto sociale e dell'impalcatura politico-istituzionale.

Dettagli

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Tu mi devi seppellir. Riti funebri e culto nazionale alle origini della Repubblica

Anonimo - 01/06/2011 23:20

voto 5 su 5 5

Un libro originale e stimolante. Finalmente una storia della Repubblica che parte dal dato primo su cui si riorganizza il senso di comunità: l'esperienza della morte di massa. Lo studio illustra in maniera non convenzionale come il processo di uscita dalla condizione di guerra - e di guerra civile - andasse di pari passi con la gestione dei lutti da parte di famiglie, associazioni, partiti. Un saggio innovativo e ben scritto, di piacevole lettura.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima