Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Tubutsch
Tubutsch

Tubutsch

by Albert Ehrenstein
pubblicato da Adelphi

6,80
8,00
-15 %
8,00
Disponibile.
14 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Mi chiamo Tubutsch, Karl Tubutsch. Dico il mio nome solamente perché non possiedo altro se non questo nome": così si presenta il protagonista di questo racconto che, quando apparve nel 1911, doveva suonare azzardato e provocatorio. E la sua carica, occorre aggiungere, è rimasta intatta. Bastano poche righe ed eccoci nel territorio di una certa "rosa assoluta" - quella di Gottfried Benn o di Carl Einstein -, costruita come una sequenza di gemmanti associazioni e dissociazioni, in un continuo oscillare fra registri che vanno dall'assurdo di livida tonalità al grottesco esilarante, al disperatamente nichilistico. A parlare non è un soggetto integro, ma lembi di un soggetto che vagabonda per le vie di Vienna. Tutto si collega attraverso brevi e imprevedibili scariche di elettricità verbale. E ovunque sentiamo l'accento dell'espressionismo più puro, dolente ma privo di patetismo. Lo stesso accento che domina nel "Suicidio di un gatto", l'altrettanto folgorante racconto che qui si accompagna a "Tubutsch".

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi stranieri

Editore Adelphi

Collana Piccola biblioteca Adelphi

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2000

Pagine 78

Lingua Italiano

Titolo Originale Tubutsch. Der Selbstmord eines Katers

Lingua Originale Tedesco

Isbn o codice id 9788845915482

Traduttore Helena Janeczek  -  H. Janeczek

1 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Tubutsch

Francesco - 11/01/2005 10:09

voto 4 su 5 4

Diario di un uomo condannto alla lucida consapevolezza della sua solitudine. Memorabili le riflessioni di Karl Tubutsch sulle mosche trovate morte nel calamaio, la guerra dei galli per il dominio di un letamaio e le divagazioni metafisiche quando incontra l'ubriaco. Toccante la storia del suo amico calzolaio e il suo tentativo fallito di ingannare la noia festeggiando l'onomastico di un oste. Pennellate in bianco e nero che fanno da contorno a divagazioni apparentemente assurde, di un pazzo, ma che nella prospettiva della vita piccola piccola del'antieroe per eccellenza, sono le meditazioni di un genio. Racconto breve in cui il protagonista fa i conti con la sua unica libertà, la più grande: scegliere se vivere o morire.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima