Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Tutto di me. Riflessioni
Tutto di me. Riflessioni

Tutto di me. Riflessioni

by Platinette
pubblicato da Sonzogno

7,80
13,00
-40 %
13,00
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
16 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Che cosa ha portato un bambino gracile e solitario, cresciuto nella provincia parmense, a trasformarsi da Mauro in Platinette, personaggio, maschera, schermo che 'cela una convivenza ormai consolidata tra le parti maschile e femminile'? Qual è stato il primo segnale di questa metamorfosi? Forse il fatto di avere ereditato il corredino (e persino il nome) da sua sorella Maura, o quelle prime esperienze, da ragazzino, assieme a Roberto, 'detto la Bambi'? In un'autoanalisi lucida e schietta, Mauro ricerca l'origine della sua costante sensazione di disagio e inadeguatezza, e lo fa passando in rassegna le persone fondamentali e gli aspetti importanti della sua vita. L'infanzia con una madre idealizzata e un padre assente e depresso, il concerto di Mina a cui ha assistito 'come se fosse un furto essere felici'. Il desiderio di riscatto personale attraverso la cultura e l'interruzione degli studi per lavorare in radio. I primi anni del cabaret, quando si esibiva con un gruppo di travestite al Festival dell'Unità mentre il pubblico urlava 'culattoni', e quelli del sesso libero, ovvero 'farsene il più possibile', a cui è seguito l'inevitabile scontro con la realtà dell'AIDS. E quel primo amore deluso, che l'ha portato a ingrassare di cinquanta chili in un anno, a crearsi una corazza con la consapevolezza che il suo rifiuto dell'altro dipende dal terrore di essere rifiutato e dall'incapacità di farsi amare. E soprattutto, la continua ricerca dell'eccesso per paura di fallire nella normalità. Mauro, però, non parla unicamente del passato. Prende anche posizione su tematiche attuali come l'incomprensibile necessità dell'outing a tutti i costi da parte dei giovani omosessuali e svela un suo possibile futuro impegno in politica e un probabile abbandono della scena televisiva. Tutto questo è Platinette. È persona e personaggio pubblico che qui si racconta senza filtri né veli. Insomma, "Tutto di me" dice proprio tutto.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Sonzogno

Formato Rilegato

Pubblicato 01/01/2005

Pagine 162

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788845412172

Curatore Valerio De Filippis

3 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
2
1 star
1
Tutto di me. Riflessioni

Anonimo - 25/08/2005 09:15

voto 2 su 5 2

Si legge in un giorno o due. Del resto è il puro racconto della sua vita... a me piace questo personaggio e alcune parti mi hanno fatto tanta tenerezza.

Tutto di me. Riflessioni

Anonimo - 26/07/2005 20:35

voto 2 su 5 2

Carino... Un libriccino da leggere con tranquillità.... Del resto racconta in poche parole la sua storia,e la sua vita.... Buona lettura

Tutto di me. Riflessioni

Anonimo - 11/05/2005 22:26

voto 1 su 5 1

La Platy mi piace,ma questo libro,velleitario e approssimativo, scritto - scaltramente - con l'intento di incrementare i suoi già pingui introiti,sull'onda della grande popolarità,sminuisce la sua immagine..I capitoletti (sul padre,sulla madre,sul sesso,sull'amore,sulla politica..) sono frettolosi,nulla è approfondito,le contraddizioni abbondano,e la decisione di lasciar da parte la verve abituale,abbandonando anche ogni gossip,per adottare un tono serioso e simil-psicanalitico,rende il tutto triste e scontato.Le vicende familiari raccontate sono,del resto,comuni (adorazione per la madre,invidia per la bellissima sorella,assenza di una figura paterna forte... ).L'autrice si firma Platinette,ma contradditoriamente più volte ripete che si sente più uomo che donna,dimostrando gran noia di se stessa e del ruolo che pure le ha dato tanto successo mediatico,e che quindi esita a ripudiare.E' anche evidente che si compiace non poco del suo presunto acume introspettivo,ma di fatto non riesce ad affrancarsi dai luoghi comuni di una sottocultura gay datata e falsamente spregiudicata (valga ad esempio la frase ''il tale è una frocia come me''),offensiva per qualsiasi omosessuale che viva con dignità e lealtà la sua condizione.. In sostanza,un libro tirato via,scritto con presunzione e accenti pedagogici (la Platy è diplomata maestra elementare),ma in cui la sincerità vera,incisiva e graffiante proprio non si intravvede..

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima