Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Una donna libera
Una donna libera

Una donna libera

by Maria Occhipinti
pubblicato da Sellerio Editore Palermo

14,40
18,00
-20 %
Migliaia di libri al -20%
18,00
Migliaia di libri al -20%
Disponibile - Attenzione!! Consegna a rischio per Natale.
29 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Sappiamo poco o niente di cos'era veramente la vita delle donne quando adulterio e abbandono del tetto coniugale erano reato, e il prete e il carabiniere prolungavano, fuori casa, il dominio in casa del padre del fratello e del marito. Di quella zona grigia dal dopoguerra agli anni Settanta del Novecento, quando la costituzione già garantiva uguali diritti a tutti, ma costume, tradizione, leggi e poteri quotidiani detenevano le donne nella sottomissione. Ne sappiamo poco o niente, in parte perché quel dominio, come ogni dominio, era soprattutto sequestro di parola e di testimonianza, di memoria; in parte perché la servitù delle donne era anche una servitù volontaria, vissuta come cosa naturale, che quindi non c'era senso a tramandare; in parte perché il ruolo di testimonianza era semmai monopolio di donne che vivevano, pur sotto il dominio, una condizione che tollerava una certa loro libertà e un certo privilegio. Di fronte a un libro come "Una donna libera", siamo perciò al cospetto di un documento eccezionale. E l'autobiografia di una invincibile ribelle la cui ribellione consisteva innanzitutto nell'affermare il diritto proprio alla parola, alla manifestazione e alla testimonianza. Di una donna incapace di concepire, prima che di sopportare, un proprio ruolo diseguale e subalterno per nascita e per sesso. Di una siciliana autodidatta e nata povera in uno di quegli ambienti in cui alle donne, come diceva il siciliano Borgese, "mancava perfino la forza di gemere". E sempre povera vissuta, anche quando la sua tempra le aveva guadagnato con la libertà una certa notorietà. Ne narra la vita di ogni giorno: le fughe e le lotte diuturne per i minuscoli e ovvi diritti di libertà elementare che mancarne sembra inimmaginabile. Maria Occhipinti, morta settantacinquenne, era nata nel 1921 a Ragusa. Sposata giovanissima e con una figlia, nel 1944-45 fu organizzatrice e a capo della protesta delle donne contro il richiamo alle armi voluta dal governo provvisorio; conobbe il carcere e il confino. Un noto e splendido suo libro, "Una donna di Ragusa", si sofferma su quel momento epico della sua avventura di vita. In questo "Una donna libera" è invece il quotidiano, l'ordinario, di una condizione in sé tragica per la donna libera: quando le vicine di casa, che aveva difeso nella lotta poco prima, e i compagni di politica, che la innalzavano a simbolo e vessillo, le chiedevano brutalmente di tornare, appunto, una donna di Ragusa. Con una nota di Marilena Licitra Occhipinti.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Sellerio Editore Palermo

Collana La nuova diagonale

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2004

Pagine 351

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788838919329

Curatore Gianni Grassi  -  G. Grassi

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Una donna libera"

Una donna libera
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima