Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Uno studio in rosso
Uno studio in rosso

Uno studio in rosso

by Arthur Conan Doyle
pubblicato da BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

5,25
7,00
-25 %
7,00
Disponibile.
10 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

"Conan Doyle, il non molto fortunato medico di Southsea, disponeva evidentemente, di una carta da giocare. Piccolo o grande, era scrittore. Scrittore inventore, scrittore fantastico, scrittore creatore, creatore di un personaggio e di un domino che durano ancora. Fascinosa tirannia." (dalla prefazione di Oreste del Buono)

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Gialli classici » Gialli, mistery e noir , Romanzi e Letterature » Gialli, mistery e noir

Editore Bur Biblioteca Univ. Rizzoli

Collana I grandi romanzi

Formato Tascabile

Pubblicato 22/05/2012

Pagine 168

Lingua Italiano

Titolo Originale A Study in Scarlet

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788817058377

Traduttore M. P. Janin

1 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Uno studio in rosso anicka.pasi

Anicka Pasi - 23/05/2013 12:06

voto 4 su 5 4

Finito di rileggere uno Studio in Rosso che avevo letto a undici anni in unedizione english for beginners ovvero versione semplificata per bambini che imparano linglese, con un vocabolario di massimo 300 parole. Ho appena smesso di ridere e dare di gomito al mio compagno. Non che Sherlock Holmes faccia ridere. O per lo meno non era sua intenzione. La storia è bella, semplice e avvincente: in una casa sfitta viene rinvenuto il cadavere di uno sconosciuto gentiluomo. Sul corpo nessun segno di violenza accertabile e sulla parete la parola RACHE scritta col sangue di qualcun altro. Delitto inspiegabile e nebuloso, tanto che il povero Lestrade, ispettore di Scotland Yard creato apposta per far la figura dellimbecille, va sul tetto della centrale, espone il bat-segnale e arrivano Sherlock e il suo nuovo coinquilino, il Dottor Watson. La storia è famosissima, la sapete tutti: Sherlock si guarda intorno e in dieci minuti risolve il caso. Daltronde è Sherlock Holmes, mica lInvestigatopo di Walt Disney. La chicca è la seguente: con sensibilità assolutamente vittoriana, Sherlock, per provare che la sua teoria è esatta, uccide il cane di Mrs Hudson. Ebbene sì, si fa portare il vecchio cagnolino, gli somministra un veleno e risolve il caso. Ma come??? Sherlock, porca paletta!!! Il Cagnolino!!! E Mrs Hudson ti tiene ancora in casa dopo sta mossa, maledetto psicopatico? Lepilogo logico sarebbe stato vedere Sherlock portato via di peso dalla polizia e denunciato per maltrattamenti agli animali, altrochè. Due anni di prigione, unammenda di svariate centinaia di sterline e Mrs Hudson che va a piangere in TV dalle Iene, lamentandosi di quel malato di mente del suo affittuario (probabilmente PURE gay) che le ha ammazzato il cane. Intervista al coinquilino e probabile amante segreto Watson che si discolpa: Io lo avevo appena conosciuto! Chi mai poteva immaginarselo? Comunque: bello. Ho riso un sacco. Grazie Sherlock. Ora attacco il Segno dei Quattro che già ho visto inizia con una bella pera di morfina dritta in vena.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima