Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Uomini comuni. Polizia tedesca e «soluzione finale» in Polonia
Uomini comuni. Polizia tedesca e «soluzione finale» in Polonia

Uomini comuni. Polizia tedesca e «soluzione finale» in Polonia

by Christopher R. Browning
pubblicato da Einaudi

15,30
18,00
-15 %
18,00
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
31 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

All'alba del 13 luglio 1942, gli uomini del Battaglione 101 della Riserva di Polizia tedesca entrarono nel villaggio polacco di Józefów. Al tramonto, avevano rastrellato 1800 ebrei: ne selezionarono poche centinaia come 'lavoratori' da deportare; gli altri, fossero donne, vecchi o bambini, li uccisero. Ordinaria crudeltà nazista, si direbbe; ma gli uomini del Battaglione 101 erano operai, impiegati, commercianti, artigiani arruolati da poco. Uomini comuni, reclutati per estrema necessità, che non erano nazisti né fanatici antisemiti, e ciò nonostante sterminarono 1500 vittime in un solo giorno. E il massacro di Józefów non fu che il primo di una lunga serie: in poco piú di un anno, il Battaglione 101 uccise altre 38000 persone e collaborò alla deportazione a Treblinka e allo sterminio di oltre 45 000 ebrei. Alla fine della guerra, rimasero 210 testimonianze di membri del Battaglione 101: cosa pensavano, mentre partecipavano alla 'soluzione finale'? Come giustificavano il proprio comportamento? E soprattutto, per quale motivo furono cosí spietatamente efficienti nell'eseguire gli ordini? Per fede nell'autorità, per paura della punizione? La spiegazione data da Christopher Browning è molto piú sorprendente e angosciante: un uomo comune può diventare uno spietato assassino per puro spirito di emulazione e desiderio di carriera. Ovvero: i sentimenti piú banali e apparentemente innocui sono i motori della piú estrema inumanità. Ieri e oggi.

Dettagli

Generi Politica e Società » Guerra e difesa » Ideologie e Teorie politiche » Ideologie politiche » Nazionalismo , Storia e Biografie » Storia dell'Europa

Editore Einaudi

Collana Piccola biblioteca Einaudi. Nuova serie

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2004

Pagine 258

Lingua Italiano

Titolo Originale Ordinary Men: Reserve Police Battalion 101 and the Final Solution in Poland

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788806170677

Traduttore Laura Salvai

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Uomini comuni. Polizia tedesca e «soluzione finale» in Polonia

Anonimo - 29/10/2008 14:56

voto 5 su 5 5

Brillante lavoro sullo sterminio nazista e una triste conclusione: il genocidio non fu `eccezionale', il prodotto di circostanze e ideologie irripetibili. Fu la conseguenza di meccanismi psicologici e sociali molto comuni e diffusi. C'e` poca differenza fra noi, le guardie di Belzec e i riservisti del 101 Battaglione di Polizia. Il male non e'solo `banale' (Arendt). Come scrisse Conrad in `Cuore di Tenebra' puo' emergere appena siamo fuori dal nostro equilibrio.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima