Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Le carte riscoperte. I disegni delle collezioni Donghi, Fissore, Pozzi alla Fondazione Giorgio Cini
Le carte riscoperte. I disegni delle collezioni Donghi, Fissore, Pozzi alla Fondazione Giorgio Cini

Le carte riscoperte. I disegni delle collezioni Donghi, Fissore, Pozzi alla Fondazione Giorgio Cini


pubblicato da Marsilio

40,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Il riesame dell'eterogeneo insieme di disegni di figura rastrellati da Elfio Pozzi mercante libraio milanese ha permesso a una squadra di esperti del disegno di individuare esemplari di indubbio valore e attribuirli a pittori di primo piano nelle approfondite schede a loro dedicate. Per quel che riguarda il Cinquecento, Bernardino Lanino e Guglielmo Caccia detto il Moncalvo, Aurelio Luini, Giovanni Battista Trotti, Giovanni Guerra e Cherubino Alberti. Numerosi e di alto livello gli esempi seicenteschi, dalla cultura postcaravaggesca del Sarzana, del veronese Pietro Bernardi, del milanese Daniele Crespi, passando per il primo barocco di Lazzaro Baldi e Giovanni Francesco Romanelli, attraverso il classicismo di Carlo Maratta e Marcantonio Franceschini, fino alle aperture settecentesche di Louis Dorigny. Da segnalare infine il significativo gruppo di disegni dell'architetto Giacomo Quarenghi. PiĆ¹ coerente si presenta il corpus di grafica specializzato in progetti scenografici appartenuto alla famiglia Donghi: prestigiose le scenografie che gli studi condotti per l'occasione hanno legato ai nomi delle dinastie dei Galliari e dei Donghi, e inoltre a specialisti attivi tra Sette e Ottocento, come Pietro Gonzaga e Alessandro Sanquirico.

Dettagli

torna su Torna in cima