Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

A che cosa serve il sindacato. Le follie di un sistema bloccato e la scommessa contro il declino
A che cosa serve il sindacato. Le follie di un sistema bloccato e la scommessa contro il declino

A che cosa serve il sindacato. Le follie di un sistema bloccato e la scommessa contro il declino

by Pietro Ichino
pubblicato da Mondadori

Prezzo:
17,50 7,87
Risparmio:
9,63 -55 %
mondadori card 16 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo lunedì 3 aprile.  (Scopri come).

Descrizione

Nell'ottobre del 2000, proprio mentre la Fiat prendeva la decisione di chiudere lo stabilimento dell'Alfa Romeo di Arese, la casa automobilistica giapponese Nissan annunciava di voler produrre in Europa un suo nuovo modello destinato al mercato comunitario. Si candidarono un sito industriale spagnolo, uno francese e uno inglese. Da noi, invece, a candidare lo stabilimento di Arese, con i suoi duemila operai in procinto di perdere il posto, non ci pensò nessuno. Fu distrazione? Disinformazione? No. Il sistema italiano dei rapporti di lavoro e sindacali non avrebbe neppure consentito di aprire una trattativa sulla base delle proposte della casa nipponica. La gara venne vinta dalla Gran Bretagna. Bassi stipendi? Lavoro precario? Niente affatto: nello stabilimento inglese, scelto poi dalla Nissan, il lavoro è retribuito il doppio di quello dei metalmeccanici italiani, è sicuro e altamente qualificato. Ma è regolato da un accordo sindacale incompatibile con il contratto collettivo italiano di settore. Così, mentre all'Alfa di Arese i lavoratori restano in cassa integrazione per anni e il nostro sindacato vagheggia un impossibile intervento pubblico che consenta di non mettere in discussione nulla del vecchio modello di relazioni industriali, il sindacato inglese negozia e accetta di sottoscrivere una scommessa comune con l'investitore straniero. Pietro Ichino ripropone, come in una cronaca giornalistica, questa vicenda emblematica e alcune altre parimenti significative del difficile stato delle relazioni sindacali nell'Italia contemporanea: dal caso dell'Alitalia, dove le hostess si ammalano a comando per scioperare anche quando è proibito, a quello del ministro del Lavoro che appoggia il sindacato che le organizza; dalle agitazioni che paralizzano due volte al mese ferrovie e trasporti urbani all'incredibile vicenda degli uomini radar, che guadagnano più di tutti e scioperano più di tutti (anche perché durante lo sciopero non perdono la retribuzione). E ne prende spunto per formulare una proposta di riforma molto chiara e semplice. Una riforma che assume anch'essa il carattere di una scommessa comune a tutte le parti responsabili del futuro economico dell'Italia. Perché il nostro paese non può uscire dal declino senza eliminare i fattori istituzionali e culturali che paralizzano il suo sistema di relazioni sindacali.

Dettagli

Generi Politica e Società » Ideologie e Teorie politiche » Sindacalismo , Economia Diritto e Lavoro » Economia » Economia del lavoro, occupazione e disoccupazione

Editore Mondadori

Collana Frecce

Formato Rilegato

Pubblicato  01/01/2005

Pagine  287

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804549703


1 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
1
1 star
0
A che cosa serve il sindacato. Le follie di un sistema bloccato e la scommessa contro il declino

Anonimo - 06/07/2007 14:49

voto 2 su 5 2

''Nell'ottobre del 2000, proprio mentre la Fiat prendeva la decisione di chiudere lo stabilimento dell'Alfa Romeo di Arese, la casa automobilistica giapponese Nissan annunciava di voler produrre in Europa un suo nuovo modello destinato al mercato comunitario''. E' questo il primo scandalo, un'azienda priva di managerialità, che perde quote di fatturato dagli stranieri a causa di manager non competitivi. L'efficienza della forza lavoro operativa è un problema che investe le righe basse del conto economico, non certo quelle del valore che le risorse qualificate e immeritatamente messe al comando, non riescono da troppo tempo a creare. Caro mio Prof. Ichino, troppo facile fare idelogia così.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima