Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi
La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi

La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi

by Maurizio De Giovanni
pubblicato da Fandango Libri

10,62
12,50
-15 %
12,50
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
21 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

La seconda avventura del commissario Ricciardi, l'uomo che possiede il dono (o la condanna) di sentire le ultime parole pronunciate da chi muore di morte violenta, quello che lui chiama "il Fatto". Napoli, aprile 1931. Il vento di primavera si annuncia nella notte di una giornata fredda e cupa e rimescola il sangue nelle vene di donne e uomini persi nei loro pensieri ma uniti dall'attesa del giorno che arriverà. Non è così per tutti: in un appartamento del popolare rione Sanità un'anziana donna, Carmela Calise, verrà trovata morta il giorno dopo, ridotta a un mucchio di ossa e sangue, barbaramente colpita a bastonate. Accorso sul luogo del delitto insieme al fedele brigadiere Maione, il commissario Ricciardi interroga la gente del palazzo e, nonostante il clima di omertà, scopre la doppia attività di Carmela, cartomante e usuraia. Al centro della vicenda è il decrepito appartamento dove la cartomante riceveva i suoi clienti, per predire in modo ingannevole il loro futuro o per garantirglielo, prestando denaro. Sono parecchi quelli che avrebbero avuto un motivo per ucciderla - strozzati dai debiti, succubi delle sue menzogne, delusi o disperati.

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Gialli, mistery e noir » Gialli storici , Romanzi e Letterature » Gialli, mistery e noir

Editore Fandango Libri

Formato Brossura

Pubblicato 25/06/2008

Pagine 374

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788860440532

3 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
2
3 star
0
2 star
0
1 star
0
La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi

Anonimo - 29/08/2008 17:34

voto 5 su 5 5

La primavera arrivò a Napoli il quattordici aprile millenovecentotrentuno, poco dopo le due del mattino. Arrivò in ritardo e come al solito, con un colpo di vento nuovo dal sud, dopo un acquazzone. Dopo l'inverno del Senso del dolore arriva per il commissario Ricciardi la primavera de La condanna del sangue, una stagione di risvegli, di nuovi amori che sbocciano, ma anche di delitti, fra i quali quello, particolarmente efferato, che vede come vittima una cartomante e usuraia. Come per il precedente la vicenda gialla, pur se apprezzabile, costituisce solo l'ossatura intorno alla quale è costruito il romanzo vero e proprio e qui de Giovanni mostra l'indubbia capacità di non ripetersi, creando nuovi personaggi di contorno e colorando più intensamente, scendendo ancor di più dentro l'anima, quelli che già si conoscono: il tormentato e malinconico commissario Ricciardi, il pratico, ma umano, brigadiere Maione, il Dr. Modo, medico legale pragmatico e antifascista, e lei, Enrica, la dirimpettaia, un amore silenzioso e mai dichiarato. Il romanzo procede a ritmo costante con lo svolgimento razionale della trama principale, accompagnata da altre solo in apparenza minori e che si ricollegano come in un mosaico a dar vita all'immagine di un'umanità dolente, in cui la passione, la gelosia, i sentimenti e perfino il delitto sono l'espressione di un'esistenza in cui la felicità è solo una chimera. Così accanto al feroce delitto della cartomante ci sono le vicende di Filomena, la più bella di Napoli, e perciò desiderata dagli uomini e odiata dalle donne, oppure quella di un sogno infranto di un povero pizzaiolo che si era illuso di poter guadagnare di più. Su tutte, però, domina il sempre presente senso del dolore di Ricciardi, quell'intima pietà che in un mondo di fame e di morte riesce ad aver ragione del più gretto materialismo, conferendo dignità non solo alle vittime, ma anche ai colpevoli. In questo contesto di grande effetto, dove l'ambientazione e l'atmosfera sono resi in modo veramente pregevole, di tanto in tanto c'è lo spazio anche per osservazioni illuminanti, come questa: L'usura è vile, pensava Ricciardi: tra i delitti più tristi, perché prende la fiducia e la rivolta contro chi la dà. E succhia lavoro, speranze, aspettative, succhia via il futuro. Non mancano, inoltre, tutte le menzogne di un regime (il romanzo è ambientato in epoca fascista) dove tutto deve essere bello e ordinato, dove la gente deve essere ricca, parole vuote che stridono con l'opprimente realtà. Scritto in punta di piedi, con un lessico semplice, ma assai efficace, La condanna del sangue mi ha avvinto già dall'inizio e, quando alla fine Ricciardi scorge nuovamente attraverso i vetri della finestra la dirimpettaia che ricama pensando a lui, mi sono messo a piangere, perché quel ritrovato timido silenzioso amore è la conclusione logica di un romanzo stupendo, che è maturato dentro di me pagina dopo pagina, mettendo radici profonde. E poi mi vengono le lacrime solo quando arrivo all'ultima pagina di un capolavoro.

La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi

Anonimo - 03/07/2008 17:20

voto 4 su 5 4

Riesce a catturarti nelle pagine, come se i protagonisti fossero lì ad un passo da te. è da un po' che un libro chiuso non mi metteva l'ansia di riaprirlo! roberta

La condanna del sangue. La primavera del commissario Ricciardi

Anonimo - 02/07/2008 16:48

voto 4 su 5 4

vi dico di non comprare questo libro... perchè se non potete leggerlo tutto d'un fiato vi tornerà difficile chiuderlo per andare a lavoro... lasciarlo sul comodino alle 3 di notte... insomma un libro da avere nella piccola biblioteca dei capolavori!! roberta

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima