Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il corpo della donna come luogo pubblico. Sull'abuso del concetto di vita
Il corpo della donna come luogo pubblico. Sull'abuso del concetto di vita

Il corpo della donna come luogo pubblico. Sull'abuso del concetto di vita

by Barbara Duden
pubblicato da Bollati Boringhieri

11,05
13,00
-15 %
13,00
Disponibile.
22 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Questo libro, che reagisce senza forzature polemiche alla retotica sulla "Vita" sviluppatasi nel quadro del dibattito sull'aborto, intende analizzare le condizioni in cui, nel corso di una generazione, nuove tecniche e forme di espressione hanno completamente mutato il modo di concepire e vivere la gravidanza. Nel giro di pochi anni, infatti, il bambino è diventato un "feto", la donna incinta un "sistema uterino di approvviggionamento", il nascituro "una vita" e la vita "un valore cattolico- laico" quindi onnicomprensivo. Storica delle donne, con alle spalle rigorose ricerche sul vissuto del corpo femminile nel secolo XVIII, l'autrice si limita a sostenere la tesi, elaborata anche nel corso di un'interrotta conversazione con Ivan Illich, secondo cui il feto intrauterino del quale oggi tutti parlano non è una creatura di Dio o della "natura", bensì della società moderna. E le domande sono: in che modo artificiale è nato questo feto? Perchè la donna incinta è diventata l'ambiente uterino per l'approvvigionamento di un feto? Perchè le donne, in base a erronei ragionamenti scientifico- popolari e a prediche pseudotradizionali servono quella vita della quale credono di doversi assumere la "responsabilità"? Perchè l'acquisizione del feto priva la donna del proprio corpo e la degrada al ruolo di cliente bisognosa non soltanto di assistenza, ma anche di consulenza?

Dettagli

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Il corpo della donna come luogo pubblico. Sull'abuso del concetto di vita"

Il corpo della donna come luogo pubblico. Sull
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima