Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

I dieci comandamenti di uno scrittore. Verità e menzogne in letteratura
I dieci comandamenti di uno scrittore. Verità e menzogne in letteratura

I dieci comandamenti di uno scrittore. Verità e menzogne in letteratura

by Stephen Vizinczey
pubblicato da Marsilio

Prezzo:
18,00 15,30
Risparmio:
2,70 -15 %
mondadori card 31 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo martedì 28 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

"Ci sono due tipi fondamentali di letteratura. L'una ci aiuta a capire, l'altra ci aiuta a dimenticare; la prima ci aiuta a essere persone e cittadini liberi, l'altra aiuta chi vuole manipolarci. L'una è come l'astronomia, l'altra è come l'astrologia". E' questa la nozione fondamentale di letteratura che racchiude tutto lo spirito critico dell'autore e lo pone al di fuori delle voghe letterarie del momento. "Un potente diagnostico delle menzogne politiche ovunque esse emergano. Ma i suoi saggi vanno ben oltre, individuando con esattezza le menzogne morali presenti nella narrativa, in particolar modo quelle di genere psicologico che così spesso e con così tanta naturalezza vengono spacciate per saggezza" (The Times).
Il suo commovente saggio sull'impiccagione di Imre Nagy, il primo ministro della (fallita) rivoluzione ungherese del 1956 nella quale Vizinczey combatté quand'era giovane studente, fornisce un ulteriore senso alla ferocia delle sue critiche per quelle opere che sul piano letterario giustificano l'oppressione e l'insensibilità. Egli inoltre non esita ad attaccare icone letterarie intoccabili come Dickens per la sua ipocrisia, Sainte-Beuve o Goethe per il loro servilismo nei confronti del potere e il loro conformismo rispetto alle false idee vigenti ai loro tempi, o Melville per aver diffuso "la menzogna più vile di tutta la letteratura, la menzogna che un uomo possa amare il proprio carnefice". Molta parte di questo libro è dedicata a Stendhal, Kleist, Balzac, Nerval, Tolstoj, Dostoevskij, Mark Twain. Romanziere anche quando fa il critico, l'interesse di Vizinczey si sofferma sul modo in cui vengono ritratti gli individui in tutta la gamma dei loro comportamenti e delle loro passioni. E sono pagine esemplari quelle in cui dimostra quanto le introspezioni, i personaggi e i conflitti presenti nella narrativa francese e russa dell'Ottocento riflettano puntualmente la vita contemporanea e come gli individui siano travolti da amore e odio, coraggio e sottomissione, politica e crimine. In letteratura, Vizinczey è un conservatore nel suo essere paladino dei classici ma è un radicale quanto alle sue preoccupazioni sociali e morali. Si esprime a favore di una letteratura che possa aiutare il lettore a serbare la propria libertà interiore e lo risparmi dalla disperazione nei momenti di avversità.

Dettagli

Generi Lingue e Dizionari » Corsi di lingua e cultura inglese » Storia della letteratura di lingua inglese , Romanzi e Letterature » Storia e Critica letteraria » Teoria della letteratura

Editore Marsilio

Collana Romanzi e racconti

Formato Rilegato

Pubblicato  01/01/2004

Pagine  315

Lingua Italiano

Titolo Originale Truth and Lies in Literature

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788831783187


Traduttore C. Basso Milanesi  -  Chiara Gizzi

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "I dieci comandamenti di uno scrittore. Verità e menzogne in letteratura"

I dieci comandamenti di uno scrittore. Verità e menzogne in letteratura
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima