Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La donna in Italia 1848-1914. Unite per unire. Catalogo della mostra (Milano, 28 ottobre 2011-29 gennaio 2012)
La donna in Italia 1848-1914. Unite per unire. Catalogo della mostra (Milano, 28 ottobre 2011-29 gennaio 2012)

La donna in Italia 1848-1914. Unite per unire. Catalogo della mostra (Milano, 28 ottobre 2011-29 gennaio 2012)

by E. Bruni - P. M. Foglia
pubblicato da Silvana

25,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Scrive nel 1866 Cristina Trivulzio di Belgioioso a conclusione "Della presente condizione della donna": Vogliano le donne felici e onorate dei tempi avvenire rivolgere tratto tratto il pensiero ai dolori ed alle umiliazioni delle donne che le precedettero nella vita e ricordate con qualche gratitudine i nomi di quelle che loro apersero e prepararono la via alla non mai prima goduta, forse appena sognata felicità. In queste parole è riassunto lo spirito di questo volume che, edito per la Biblioteca dell'Unità d'Italia di Silvana Editoriale, si propone di raccontare gli slanci, i desideri, le ambizioni di donne pronte a gettarsi nella grande avventura del nuovo secolo: il Novecento. Molte delle donne che hanno partecipato attivamente alla costruzione e al consolidamento dell'Unità d'Italia hanno lasciato numerose tracce del loro interesse alla vita politica e intellettuale, alcune divenendone protagoniste, altre solo interloquendo coi più noti personaggi politici, altre ancora finanziando le loro imprese. Il volume, attraverso i numerosi saggi accolti, ricostruisce con dovizia di dettagli il quadro storico in cui hanno operato queste donne nella seconda metà del XIX secolo, e l'attività che hanno portato avanti con energia e determinazione, ma anche con grandi difficoltà, in una società che ancora non riconosceva loro il diritto di essere persone consapevoli e acculturate.

Dettagli

torna su Torna in cima