Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il doppio legame. Vita di Primo Levi
Il doppio legame. Vita di Primo Levi

Il doppio legame. Vita di Primo Levi

by Carole Angier
pubblicato da Mondadori

Prezzo:
40,00 34,00
Risparmio:
6,00 -15 %
mondadori card 68 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo lunedì 23 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

A partire dalla pubblicazione di "Se questo è un uomo", assurto nel tempo a simbolo tragico della Shoah, e in seguito con "La tregua" e "I sommersi e i salvati", i libri di Primo Levi si sono universalmente imposti come opere cardinali del Novecento letterario. Sull'uomo Primo Levi, invece, l'attenzione dei biografi si è concentrata soprattutto dopo il clamore suscitato dalla sua morte che nel 1987 ha spento la voce di uno dei più grandi e lucidi interpreti della coscienza europea del secolo scorso. Non desta dunque eccessivo stupore che la prima grande biografia di Primo Levi arrivi dal mondo anglosassone, e che a incaricarsi della ricostruzione puntigliosa della sua vita sia stata una scrittrice che vive nell'Oxfordshire, e che per alcuni anni è diventata torinese d'adozione, interrogando proprio quel 'milieu' che a Primo Levi ha dato i natali, che è stato testimone dei suoi difficili esordi e dei successi mondiali, e infine della sua morte tragica e controversa. Proprio nella città di Levi, quella Torino proverbialmente diffidente e riservata, la passione investigativa di Carole Angier, sorretta da un approccio duttile e privo di pregiudizi, ha saputo aprirsi varchi inaspettati. Le testimonianze di tanti fra i suoi amici d'infanzia, colleghi d'università, compagni di Lager, semplici conoscenti - alcuni dei quali hanno preferito restare nell'anonimato - sono al centro di questa biografia dove finalmente si dà voce alla comunità ebraica torinese che, incalzata dalle domande della Angier, spezza il proprio mutismo e ripercorre una pagina delicatissima della propria memoria.Dalla lettura che a nessun altro è stata concessa di alcuni abbozzi conservati gelosamente da una amica intima di Primo Levi, la Angier può raccontarci di cosa trattasse il libro rimasto incompiuto a cui egli stava lavorando nell'ultimo periodo della sua vita, libro che doveva intitolarsi "Il doppio legame" e in cui lo scrittore intendeva, attraverso le metafore offerte dal mondo della chimica, parlare finalmente di se tesso, dei suoi fantasmi e delle sue ossessioni. Nel titolo, oltre al riferimento al doppio legame della chimica, è adombrata infatti anche una profonda ambivalenza psicologica, ovvero quel conflitto tra la razionalità sempre perseguita nella scrittura e nella vita quotidiana e la componente irrazionale del proprio sé mai esplorata né davvero guardata in faccia. Secondo la Angier questa scissione, che aveva avuto origine nell'infanzia di Primo segnata dal rapporto esclusivo, ai limiti del patologico, instauratosi con la madre, avrebbe caratterizzato in modo devastante la vita interiore dello scrittore fin dagli anni della giovinezza e avrebbe causato le sue prime crisi depressive, in un tempo in cui Auschwitz era ancora lontana.Si arriva qui al nocciolo quasi blasfemo della tesi della biografa, secondo cui l'esperienza del Lager, che pure ferì Primo Levi indelebilmente con tutta la sua inumanità, lo avrebbe anche fortificato, raffinando in lui gli strumenti di comprensione razionale che costituiranno sempre la sua risposta alla barbarie di cui era stato testimone, al punto da fargli dire: "Auschwitz è stata la mia università". Secondo la Angier il suicidio di Primo Levi, si radica in realtà in un disagio antico e mai risolto, che lungo tutto il corso della sua vita aveva condizionato specialmente il suo rapporto con le donne e la sessualità, tenendolo prigioniero di timori atavici e desideri repressi.
In questo meticoloso scavo psicologico la Angier, che è anche raffinata lettrice delle opere di Primo Levi, segue il 'fil rouge' rappresentato proprio dai testi in cui più potenti sono le risonanze autobiografiche; soprattutto i racconti del "Sistema periodico" vengono interpretati alla luce delle scoperte biografiche e delle deduzioni personali dell'Autrice, anche se queste ultime sono tenute sempre ben distinte dalla parte fattuale, che è peraltro supportata da una folta messe di testimonianze dirette, spesso scomode e sconcertanti.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Storia e Critica letteraria » Letteratura dal 1900

Editore Mondadori

Formato Rilegato

Pubblicato  01/01/2004

Pagine  856

Lingua Italiano

Titolo Originale The Double Bond. Primo Levi: A Biography

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788804522485


Traduttore Valentina Ricci

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Il doppio legame. Vita di Primo Levi"

Il doppio legame. Vita di Primo Levi
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima