Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

I drogati e gli altri. Le politiche di riduzione del danno
I drogati e gli altri. Le politiche di riduzione del danno

I drogati e gli altri. Le politiche di riduzione del danno

by Grazia Zuffa
pubblicato da Sellerio Editore Palermo

12,29
14,46
-15 %
14,46
Disponibile.
25 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Il volume analizza il problema della droga e delle misure adottate dai paesi europei per "ridurre il danno". Di riduzione del danno si comincia a parlare negli anni Ottanta, a fronte dell'espandersi dell'infezione HIV, quale strategia di difesa della salute dei tossicodipendenti. Grazia Zuffa ci aggiorna sulle varie applicazioni che essa ha avuto a seconda degli orientamenti di ogni paese: il dibattito italiano, l'esperienza inglese, la scelta di tolleranza verso le droghe leggere dell'Olanda, la somministrazione di eroina terapeutica in Svizzera. La riduzione del danno comporta un riequilibrio tra le politiche penali e proibizionistiche e quelle sociali. Riequilibrio che può avere tappe e soluzioni intermedie.

Dettagli

Generi Politica e Società » Problemi e Processi sociali » Droga, malattie e dipendenza

Editore Sellerio Editore Palermo

Collana Nuovo prisma

Formato Libro

Pubblicato 01/01/2000

Pagine 148

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788838916748

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "I drogati e gli altri. Le politiche di riduzione del danno"

I drogati e gli altri. Le politiche di riduzione del danno
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima