Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La fine della povertà. Come i paesi ricchi potrebbero eliminare definitivamente la miseria dal pianeta
La fine della povertà. Come i paesi ricchi potrebbero eliminare definitivamente la miseria dal pianeta

La fine della povertà. Come i paesi ricchi potrebbero eliminare definitivamente la miseria dal pianeta

by Jeffrey D. Sachs
pubblicato da Mondadori

20,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Ogni giorno, sul nostro pianeta, più di 20.000 persone muoiono di fame o a causa di malattie curabili, e oltre un miliardo sono costrette a vivere con meno di un dollaro, perché lo sviluppo economico dei loro paesi, in particolare quelli dell'Africa subsahariana, è bloccato da specifici problemi locali: condizioni geoclimatiche sfavorevoli, malattie endemiche (prima fra tutte, l'AIDS) o mancato accesso ai mercati internazionali per l'assenza di sbocchi al mare o di strade. In un mondo sempre più globalizzato, l'esistenza di queste aree di indigenza rappresenta non solo un freno alla crescita generale, ma anche il possibile innesco di gravi crisi, nonché una reale minaccia per la sicurezza dello stesso mondo ricco. Jeffrey D. Sachs, esperto internazionale della lotta all'iperinflazione e della transizione all'economia di mercato di paesi ex comunisti, affronta il problema della povertà estrema ripercorrendo le tappe fondamentali della sua esperienza sul campo in Bolivia, Polonia, Russia, India, Cina e Africa. Nel corso di un'analisi rigorosa e appassionata, nella quale non mancano critiche all'approccio schematico e riduttivo del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale, l'autore spiega perché, negli ultimi due secoli, la ricchezza non si è diffusa uniformemente nel pianeta e propone una soluzione che va al di là di un semplice incremento degli aiuti economici (realizzabile peraltro con un minimo sforzo da parte dei governi dei paesi ricchi e delle agenzie internazionali), ridefinendo le priorità degli obiettivi. Contrariamente a quanto si è ritenuto in passato, infatti, il miglioramento della produttività nell'agricoltura di sussistenza, dell'alimentazione, della salute pubblica, del livello medio di istruzione, delle infrastrutture di base non è la naturale conseguenza della crescita economica, ma lo strumento fondamentale per realizzarla. E oggi esistono le condizioni perché i paesi ricchi finanzino lo sviluppo di quelli poveri con investimenti mirati proprio in quei settori cruciali. Nel richiamare le nazioni ad alto e medio reddito alle proprie responsabilità morali - l'impegno sottoscritto di finanziare i piani ONU per dimezzare la povertà estrema entro il 2015 e cancellarla entro il 2025 -, oltre che alla tutela del loro stesso interesse strategico, Sachs indica una via credibile e realistica verso un mondo più giusto e sicuro.

Dettagli

Generi Politica e Società » Attualità internazionale » Problemi e Processi sociali » Povertà e disoccupazione , Economia Diritto e Lavoro » Economia » Economia, commercio e finanza internazionale

Editore Mondadori

Collana Saggi

Formato Rilegato

Pubblicato 01/01/2005

Pagine 419

Lingua Italiano

Titolo Originale The End of Poverty

Lingua Originale Inglese

Isbn o codice id 9788804548904

Traduttore Paolo Canton

Prefatore Bono

torna su Torna in cima