Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi
Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi

Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi

by Maurizio De Giovanni
pubblicato da Einaudi

10,20
12,00
-15 %
12,00
Disponibilità immediata.
20 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Seduto con un cane a fargli compagnia, un bambino morto per caso. Un orfano, niente famiglia, niente amici. Una fossa comune. E invece qualcuno che si chiede perché, e come, e quando. Qualcuno che si mette a scavare in vite piccole, di cui non ci si cura, di cui non si sa niente. Qualcuno che non si rassegna all'urlo che non sente, al lamento che non riesce a trovare. Fino al giorno dei morti.

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Gialli, mistery e noir » Gialli storici , Romanzi e Letterature » Gialli, mistery e noir

Editore Einaudi

Collana Einaudi. Stile libero big

Formato Brossura

Pubblicato 11/06/2012

Pagine 312

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788806213930

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Il giorno dei morti. L'autunno del commissario Ricciardi paoletta310

paoletta310 - 11/10/2013 11:33

voto 5 su 5 5

"Il giorno dei morti. Lautunno del commissario Ricciardi" è il capitolo conclusivo del "ciclo delle stagioni". È lepisodio in cui più il commissario si trova a fare i conti con se stesso. Sarà, forse, per il giorno in cui la verità viene a galla: il giorno dei morti, appunto, quando i vivi si ricordano e savvicinano a chi non cè più; tutti sono Ricciardi il 2 novembre. Forse, sarà perché in questo romanzo, così legato alla morte fin dal titolo, il "dono" di Ricciardi tace; il commissario si vede costretto a comunicare con i vivi (più e meno umani), cosa che non gli riesce facilissima. Ultima ipotesi, non è mai ben chiaro se il giorno dei morti sia occasione di gioia agrodolce, sospesa tra ricordi e parenti, o dolorosa malinconia. Così Ricciardi si ritrova sospeso tra la vellutata tentazione di Livia Lucani, vedova Vezzi, e la delicata dedizione di Enrica. A fare da grandiosa e sgangherata scenografia alla vicenda è Napoli, città di invisibili e disperati. È la storia di uninfanzia perduta, di un amore tragico. Lintreccio è potente, perfetto. Due personaggi vivono la storia: un vivo che vede i morti, Ricciardi, un morto che nel ricordo strazia i vivi, Tetè. Le loro voci si chiamano, si cercano tra le parole del libro; le loro vite sintrecciano fino al finale sconvolgente. Tutto il resto è silenzio. E' una lettura bellissima: un pugno allo stomaco, forse tra i libri di De Giovanni è il romanzo delle lacrime, ma è così ben scritto da risultare un piacere per la lettrice che cè in me. Cè una frase del libro che mi perseguita: "Amore, amore mio, che peccato". Ho capito perché: è un endecasillabo. Per noi italiani "il verso del cuore".

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima