Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La giudeofobia in Russia. Dal Libro del «Kahal» ai Protocolli dei Savi di Sion
La giudeofobia in Russia. Dal Libro del «Kahal» ai Protocolli dei Savi di Sion

La giudeofobia in Russia. Dal Libro del «Kahal» ai Protocolli dei Savi di Sion

by Cesare G. De Michelis
pubblicato da Bollati Boringhieri

Prezzo:
15,49 13,16
Risparmio:
2,33 -15 %
mondadori card 26 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo mercoledì 25 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Quando, nella Russia postsovietica, il risorgente nazionalismo ha ridato parola e aggressività a umori manifestamente antisemiti, si è valso di una 'tradizione' locale mai del tutto interrotta. In opere recenti si riaffaccia la tesi sempreverde del complotto giudaico-massonico, quella stessa che agli albori del Novecento destinò i "Protocolli dei savi di Sion", il sedicente piano ebraico di 'asservimento dell'umanità da parte della stirpe di Giuda', a una diffusione mondiale seconda solo alla Bibbia. Ritenuti subito un falso dalla destra russa più avvertita, sui "Protocolli" oggi si sa l'essenziale, date di stesura, attribuzione, circostanze politico-culturali, genealogie letterarie. De Michelis, che ne ha stabilito l'appartenenza agli ambienti moscoviti delle 'centurie nere' - contro l'ipotesi, fino ad allora prevalente, di un'origine parigina - e li ha datati al 1902-03, qui ne disegna preistoria e contesto, e li ripubblica insieme con testi affini in parte inediti, mostrando la piena 'russità' degli sfondi ideologici e dei tratti dominanti, al di là delle comunanze riscontrabili con la larga 'koinè' antisemita che si andava allacciando nell'Europa del tempo. E' russa la giudeofobia, variante dell'antisemitismo che affonda in mitologemi tipici della tradizione slavo-ortodossa; è russo l'ibrido tra letteratura d'invenzione e pubblicistica politica, su cui prospera la subcultura dell'apocrifo. Prima di trionfare con i "Protocolli", il malcostume di spacciare 'pamphlets' accusatori per materiali interni all'ebraismo, quindi accreditati di valore documentale, fa le sue prove nella seconda metà dell'Ottocento: si saccheggiano romanzi, si fingono rapporti di polizia, si distorcono fonti autentiche.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Olocausto, Genocidi e Pulizia etnica » Storia dell'Europa , Politica e Società » Studi di Genere e gruppi sociali » Minoranze etniche

Editore Bollati Boringhieri

Collana Saggi.Storia, filosofia e scienze sociali

Formato Libro

Pubblicato  01/01/2001

Pagine  223

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788833913506


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La giudeofobia in Russia. Dal Libro del «Kahal» ai Protocolli dei Savi di Sion"

La giudeofobia in Russia. Dal Libro del «Kahal» ai Protocolli dei Savi di Sion
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima