Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il libro proibito di Hitler. Storia del «Mein Kampf»
Il libro proibito di Hitler. Storia del «Mein Kampf»

Il libro proibito di Hitler. Storia del «Mein Kampf»

by Sven F. Kellerhoff
pubblicato da Rizzoli

18,70
22,00
-15 %
22,00
Disponibile.
37 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Ogni grande movimento di questa terra" scrive Hitler nelle prime pagine del "Mein Kampf" "deve la propria crescita ai grandi oratori e non ai grandi scrittori." Eppure, osserva: "Per l'esposizione armonica e coerente di una dottrina occorre che i suoi principi fondamentali siano fissati per sempre". Nel 1924 Hitler ha bisogno di trovare ascolto presso i suoi sostenitori. Dal carcere di Landsberg, in cui è rinchiuso per alto tradimento dopo il putsch fallito, ridefinisce gli obiettivi del movimento, ne progetta l'evoluzione. Mette nero su bianco la sua visione del mondo. Questo saggio, basato su fonti archivistiche finora inaccessibili, dissipa la confusione sul delirante manifesto di Hitler ripercorrendo la sua evoluzione dalla prima stesura alle controversie attuali, facendo luce sulla sua genesi ammantata di leggende e individuandone le fonti. Le informazioni autobiografiche, per esempio, non sono affidabili: il padre non era un oppositore della monarchia austroungarica, ma un funzionario doganale ripetutamente promosso per i suoi servigi e la sua lealtà. E poi, da dove derivò l'antisemitismo di Hitler? Quali crimini del regime nazionalsocialista si ispirarono direttamente al "Mein Kampf"? Leggendo il libro era forse possibile prevedere quale metodo di sterminio sarebbe stato utilizzato ad Auschwitz? E come reagì il pubblico? Come si sviluppò il dibattito dopo il 1945? Fu davvero un "bestseller mai letto"? O forse è vero il contrario, e milioni di tedeschi lessero la voce originale del Führer? E infine: quali sono le prospettive per il futuro? Quella del Mein Kampf è “una lettura che fa male, mostruosa, perturbante” scrive l’autore, “eppure fare luce è sempre meglio che tacere o nascondere”.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Storia sociale e culturale , Lingue e Dizionari » Corsi di lingua e cultura tedesca » Storia e società tedesca , Politica e Società » Ideologie e Teorie politiche » Ideologie politiche » Nazionalismo

Editore Rizzoli

Collana Saggi stranieri

Formato Rilegato

Pubblicato 29/09/2016

Pagine 356

Lingua Italiano

Titolo Originale Mein Kampf. Die Karriere eines deutches buches

Lingua Originale Tedesco

Isbn o codice id 9788817090162

Traduttore Roberta Zuppet

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Il libro proibito di Hitler. Storia del «Mein Kampf»"

Il libro proibito di Hitler. Storia del «Mein Kampf»
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima