Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La mia vita carnale. Amori e passioni di Gabriele D'Annunzio

by Giordano Bruno Guerri
pubblicato da Mondadori

Prezzo:
20,00 17,00
Risparmio:
3,00 -15 %
In promo:
Centinaia di film 3x2
mondadori card 34 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo mercoledì 29 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

"Posa", "finzione", "provocazione", "teatro": ecco i termini associati per decenni al nome di Gabriele D'Annunzio. Con queste parole siamo stati abituati a descriverlo, così ci è sempre stato insegnato. Ma la suggestione della sua poesia, le imprese ardite e la retorica detta appunto "dannunziana" non sono sufficienti a svelare il segreto di una vita "inimitabile". Giordano Bruno Guerri ci conduce lontano da stereotipi, accompagnandoci nelle stanze folli e geniali della dimora dannunziana. Pagina dopo pagina, sfogliando il "libro di pietre vive" che il Vate ci ha lasciato, riscopriamo un uomo che fu seduttore e amante irresistibile, avvinto dal "bisogno imperioso della vita violenta, della vita carnale, del piacere, del pericolo fisico, dell'allegrezza". Grazie al diario (in gran parte inedito) di Amelie Mazoyer, ancella in servizio continuo che il Vate ribattezza Aélis, conosceremo Gabriele D'Annunzio uomo "intero". Geisha, complice e confidente, Aélis si contende il ruolo di preferita con l'elegante musicista Luisa Baccarà e con la cameriera Emilia. Aélis annota per lunghi anni tutto ciò che accade nelle stanze del Vittoriale, registrando ascese e cadute delle "badesse di passaggio": nobildonne, artiste, prostitute, semplici paesane o avventuriere; e un contorno di personaggi non secondari. Su tutto ciò, naturalmente lui, la sua grandezza di poeta e la sua strepitosa vitalità, fatta di genio e di cocaina, invenzione e di ironia: il suo essere un libertario e anarchico, modernizzatore e anticipatore.

La nostra recensione

Forte della convinzione espressa già nel 1889 in Il piacere (“Riaccendere un amore è come riaccendere una sigaretta. Il tabacco s’invelenisce; l’amore anche”), D’Annunzio si mantenne fedele per tutta la vita a questa massima perentoria e foriera di profittevoli incontri. Nessuna delle sue numerose amanti, una volta abbandonata, poteva sperare di essere riammessa alla corte del Vate, tutt’al più poteva assistere a una sfilata incessante di donne, vivendogli accanto e macerandosi di invidia e gelosia, come fece Luisa Baccara, amante ufficiale e ‘vedova bianca’, negli anni del Vittoriale. Questo e tantissimo altro scopriamo nel libro di Giordano Bruno Guerri dedicato a Gabriele D’Annunzio nel 150° anniversario della nascita e basato sul diario finora inedito di un’altra compagna di vita del poeta, quella Amélie Mazoyer, detta Aélis, governante fedele e servizievole per 27 anni, prima in Francia e poi al Vittoriale, dove D’Annunzio si ritirò a 58 anni dopo l’impresa di Fiume, lontano da quel mondo di fasti e di feste che aveva tanto amato. Ma non lontano dai piaceri, dagli amori e dalle passioni che erano sempre stata la sua linfa, l’alimento della sua arte e del suo genio. E soprattutto non lontano dalle donne: negli anni dell’esilio gardesano attorno a lui “si indaffarano decine e decine - centinaia - di amanti più o meno durature, oltre alle tre donne ospiti fisse della casa”, così Guerri descrive la situazione ‘famigliare’ all’interno del Vittoriale. Guerri ci guida attraverso le sale della residenza dannunziana e ci mostra i suoi rapporti con il proprio corpo, con il cibo, con lo sport, la natura, gli animali, con la cocaina e poi, naturalmente, con il sesso. Furono sì anni di vitalismo sessuale irrefrenabile, ma furono anche anni di studio e lavoro, di “ininterrotta scrittura di se stesso”. Ecco perché leggende e pettegolezzi, più che contribuire a trasmetterne la fama, di quella stessa fama sono effetti transitori e sbiaditi, mentre è certo che uno dei più grandi poeti italiani fu, pur nelle sue stravaganze e nelle sue manie, uno straordinario anticipatore di gusti, di mode, di tendenze e di modernità.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Autobiografie e biografie letterarie » Storia e Critica letteraria » Letteratura dal 1900 , Storia e Biografie » Biografie Diari e Memorie » Scrittori, poeti e letterati

Editore Mondadori

Collana Le scie. Nuova serie

Formato Rilegato

Pubblicato  25/02/2013

Pagine  230

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804626275


0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La mia vita carnale. Amori e passioni di Gabriele D'Annunzio"

La mia vita carnale. Amori e passioni di Gabriele D
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima