Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La nazione perduta. Ferruccio Parri nel Novecento italiano
La nazione perduta. Ferruccio Parri nel Novecento italiano

La nazione perduta. Ferruccio Parri nel Novecento italiano

by Luca Polese Remaggi
pubblicato da Il Mulino

23,80
28,00
-15 %
28,00
Disponibile.
48 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Il libro ripercorre la vicenda di Ferruccio Parri, figura di primo piano dell'antifascismo, capo della Resistenza, primo presidente del consiglio del dopoguerra. Due momenti fondamentali segnano la vita politica di Parri: l'avvento del fascismo nel 1922 e la "legge truffa" nel 1953. Il primo accelerò il passaggio di Parri da un mentalità politica di derivazione antigiolittiana, intrisa di antiparlamentarismo e di elitismo, a una posizione di carattere liberale e democratico; in occasione della seconda Parri abbandonò la liberal-democrazia e si spostò a sinistra riaffermando il primato dell'antifascismo. Come illustra l'autore nella sua accurata ricostruzione, sullo sfondo di queste trasformazioni si delinea una attenzione costantemente riaffermata per il tema della nazione. Una nazione che per Parri è "perduta" nel senso che l'aspirazione a realizzare una maggiore omogeneità sociale e territoriale dell'Italia si scontra con una organizzazione della politica come mediazione degli interessi dei ceti sociali privilegiati.

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La nazione perduta. Ferruccio Parri nel Novecento italiano"

La nazione perduta. Ferruccio Parri nel Novecento italiano
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima