Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il nome di Dio e la teoria cabbalistica del linguaggio
Il nome di Dio e la teoria cabbalistica del linguaggio

Il nome di Dio e la teoria cabbalistica del linguaggio

by Gershom Scholem
pubblicato da Adelphi

Prezzo:
9,00 6,75
Risparmio:
2,25 -25 %
mondadori card 14 punti carta PAYBACK
Disponibilità immediata - pochi pezzi a magazzino.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 19 €.
Ordina ora per riceverlo mercoledì 18 gennaio.  (Scopri come).

Descrizione

Per tutte le concezioni mistiche del linguaggio, dalle metafisiche orientali a Jacob Bohme fino al giovane Benjamin, l'essenza del linguaggio coincide con l'essenza stessa del mondo. Ma il primato della parola come luogo sacro prende un rilievo speciale nella tradizione ebraica: e la meditazione sul Nome, anzi sui Nomi di Dio, sul loro fondo impronunciabile e le loro infinite possibilità combinatorie, assume qui i caratteri di una passione assoluta, di cui si è alimentata per secoli il pensiero della Qabbalah. Illuminando via via magistralmente alcuni dei suoi snodi e delle sue figure maggiori - dalle pagine oscure e pregnanti del 'Sefer Yesirah' a Isacco il Cieco, a Giqatilla e ad Abulafia -, Gershom Scholem mostra come la mistica ebraica sia tornata instancabilmente sul tema del Nome e del suo rapporto con la rivelazione. Per la "Qabbalah", l'essenza divina si manifesta attraverso dieci emanazioni, congiunte nell'albero delle 'sefirot'. E le ventidue lettere dell'alfabeto sono uno sviluppo delle stesse 'sefirot'. Perciò il lavoro sul linguaggio diventa compito principale del mistico e del teosofo. L'albero dei nomi fa tutt'uno con l'albero delle cose, dove i nomi e le cose sono simili a 'fiamme tremolanti' divampate da una sola radice. All'origine di ogni forma linguistica vi è però, appunto, il Nome di Dio, le cui infinite varianti formano l'oggetto, secondo Abulafia, della vera scienza profetica: una vertiginosa 'ars combinatoria' capace di ricondurre le lingue profane all'unica lingua santa originaria.

Dettagli

Generi Salute Benessere Self Help » Mente, corpo, spirito , Religioni e Spiritualità » Altre religioni e fedi » Fedi alternative (Scientology, studi sull'occulto, satanismo¿) , Esoterismo e Astrologia » Magia e Rituali magici » Cabala

Editore Adelphi

Collana Piccola biblioteca Adelphi

Formato Brossura

Pubblicato  01/01/1998

Pagine  102

Lingua Italiano

Titolo Originale Der Name Gottes und die Sprachtheorie der Kabbala. Zehn Unhistorische Satze uber Kabbala

Lingua Originale Tedesco

Isbn o codice id 9788845913143


Traduttore Adriano Fabris  -  A. Fabris

1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
Il nome di Dio e la teoria cabbalistica del linguaggio filippoleonardi

filippoleonardi - 30/05/2013 00:44

voto 3 su 5 3

Gershom Scholem è un serio studioso della tradizione ebraica. In questo libercolo di circa 100 pagine affronta il tema della mistica del linguaggio nella tradizione ebraica. Lo fa con cognizione di causa, trattando dei nomi divini, delle lettere ebraiche, delle Sefirot, della Merkavah, ecc. Riguardo alla lingua originaria dell'uomo, quella paradisiaca, ci lascia una osservazione interessante: essa possedeva ancora il carattere sacro, ossia un legame immediato e diretto con l'essenza delle cose che voleva esprimere. Per chi volesse approfondire questo concetto, consigliamo di leggere il Cratilo.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima