Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

I nullafacenti. Perché e come reagire alla più grave ingiustizia della nostra amministrazione pubblica
I nullafacenti. Perché e come reagire alla più grave ingiustizia della nostra amministrazione pubblica

I nullafacenti. Perché e come reagire alla più grave ingiustizia della nostra amministrazione pubblica

by Pietro Ichino
pubblicato da Mondadori

12,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Perché, mentre si discute di tagli dolorosi alla spesa pubblica per risanare i conti dello Stato, nessuno propone di cominciare a tagliare l'odiosa rendita parassitaria dei nullafacenti?" Il 24 agosto 2006, dalle colonne del "Corriere della Sera", Pietro Ichino lancia una proposta che scuote il mondo politico e sindacale. Chiave di volta del progetto è l'istituzione di organi indipendenti di valutazione (OIV) capaci di stimare l'efficienza degli uffici pubblici e dei loro addetti, per consentire il licenziamento nei casi più gravi, ma anche l'aumento delle retribuzioni dei dipendenti che lavorano per due. Fin dal primo giorno il "Corriere" è sommerso da un fiume di mail, in grande maggioranza favorevoli alla proposta. I sindacati del settore pubblico esprimono indignazione per 'l'attacco inaudito' portato alla categoria. Prodi apre; il ministro della Funzione pubblica frena; la sinistra radicale spara ad alzo zero. L'"International Herald Tribune" dedica al dibattito italiano sui 'loafers' (nullafacenti) un lungo articolo. La polemica divampa: è stato toccato un nervo da troppo tempo scoperto. Intanto, al forum del "Corriere" arrivano in un giorno e mezzo 1500 interventi, tra cui molte istantanee di nullafacenti ritratti dal vivo: dall'impiegata che timbra il cartellino e poi va dal parrucchiere, al funzionario sano come un pesce che usa 'prendersi la malattia' tutte le volte che torna al paese, al professore semianalfabeta. In questo libro Pietro Ichino, oltre a spiegare la sua proposta, affinata in collaborazione con altri studiosi, raccoglie una piccola antologia di quegli interventi. E, a chi gli obietta che per il risanamento della pubblica amministrazione occorre 'ben altro', risponde sfidandolo a dire in che cosa precisamente quel 'ben altro' consista: altrimenti - avverte - questo è solo un pretesto dietro cui si nasconde la scelta di lasciare le cose come stanno.

Dettagli

Generi Politica e Società » Politica e Istituzioni » Governo centrale » Pubblica amministrazione , Economia Diritto e Lavoro » Economia » Economia del lavoro, occupazione e disoccupazione » Lavoro » Economia del lavoro

Editore Mondadori

Collana Frecce

Formato Rilegato

Pubblicato 01/01/2006

Pagine 135

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804565925

torna su Torna in cima