Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'odio in Rete. Siti ultras, nazifascismo online, jihad elettronica

by Antonio Roversi
pubblicato da Il Mulino

10,20
12,00
-15 %
3x2 su migliaia di libri
12,00
3x2 su migliaia di libri
Disponibile.
20 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Accingendosi a studiare i siti web che esaltano la violenza, Roversi aveva in mente una ricerca sociologica, e dunque si disponeva al necessario distacco scientifico. Poi si è trovato di fronte i linciaggi di "negri" proposti dai siti neonazisti americani, le volgarità antisemite di certe pagine web italiane, il volto cereo di Enzo Baldoni apparso all'improvviso durante la visita di un sito medio-orientale. Superato l'impulso a spegnere il computer, l'autore ha scritto un libro che abbandona un impossibile atteggiamento distaccato per lasciare spazio anche a ricordi, sensazioni e riflessioni personali, senza rinunciare tuttavia a proporre alcuni significativi spunti di discussione.

Dettagli

Generi Politica e Società » Problemi e Processi sociali » Violenza nella società , Informatica e Web » Digital Life » Internet e servizi online

Editore Il Mulino

Collana Contemporanea

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2006

Pagine 197

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788815108876

1 recensioni dei lettori  media voto 2  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
1
1 star
0
L'odio in Rete. Siti ultras, nazifascismo online, jihad elettronica

Anonimo - 22/03/2006 00:02

voto 2 su 5 2

libro scritto da chi non conosce determinati argomenti e nemmeno ha voglia di conoscerli.scrivere un libro mettendo su carta i propri pregiudizi utilizzando solo i ''fatti'' necessari allo sviluppo della propria tesi,fondata appunto su tali pregiudizi,non è un modo serio e corretto di scrivere.leggete il derby del bambino morto di valerio marchi per respirare un po di aria fresca.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima