Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'orda. Quando gli albanesi eravamo noi
L'orda. Quando gli albanesi eravamo noi

L'orda. Quando gli albanesi eravamo noi

by Gian Antonio Stella
pubblicato da BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

7,50
10,00
-25 %
10,00
Disponibile.
15 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Nella ricostruzione di Gian Antonio Stella, ricca di fatti, personaggi, aneddoti, documenti, storie ignote o sconvolgenti, compare l'altra faccia della grande emigrazione italiana. Quella che meglio dovremmo conoscere proprio per capire, rispettare e amare ancora di più i nostri nonni, padri, madri e sorelle che partirono. Quella che abbiamo rimosso per ricordare solo gli "zii d'America" arricchiti e vincenti. Una scelta fatta per raccontare a noi stessi, in questi anni di confronto con le "orde" di immigrati in Italia e di montante xenofobia, che quando eravamo noi gli immigrati degli altri, eravamo "diversi". Eravamo più amati. Eravamo "migliori". Non è esattamente così. Il libro è qui presentato in edizione aggiornata.

Dettagli

Generi Politica e Società » Problemi e Processi sociali » Migrazioni, immigrazione, emigrazione

Editore Bur Biblioteca Univ. Rizzoli

Collana Saggi

Formato Tascabile

Pubblicato 01/01/2003

Pagine 313

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788817108072

1 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
L'orda. Quando gli albanesi eravamo noi

Anonimo - 21/06/2005 16:30

voto 4 su 5 4

Documentato, istruttivo. Pur restando un saggio, non risulta pesante, ma riesce a coinvolgere. Abile nel trovare il giusto tono che coniuga: ·l'obiettività del cronista/storico; ·una giusta e sana indignazione verso gli autori di episodi di xenofobia ·la compassione (che non sfocia in pietismo) per le vicende dei nostri connazionali; ·una pungente ironia (mai velata: si fanno nomi e cognomi) verso gli xenofobi (italiani) di oggi Da leggere

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima