Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La pietà della luce. Maria Zambrano dinanzi ai luoghi della pittura
La pietà della luce. Maria Zambrano dinanzi ai luoghi della pittura

La pietà della luce. Maria Zambrano dinanzi ai luoghi della pittura

by Nunzio Bombaci
pubblicato da Rubbettino

11,90
14,00
-15 %
14,00
Disponibile - Attenzione!! Consegna a rischio per Natale.
24 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Nella sua ricerca riguardante la pietà, intesa quale attitudine fondamentale a "trattare adeguatamente con l'altro", Maria Zambrano tributa attenzione alle forme della "poiesis" volte a custodirla e testimoniarla. Tra queste, assume una particolare rilevanza la pittura poiché la pietà di cui è intrisa la sua luce si sofferma sulle forme dell'umano che ordinariamente non "si danno a vedere" o vengono relegate in una condizione umbratile, in quanto ritenute abiette, ripugnanti o sconvenienti. Si tratta della luce che ascrive alla verità dell'uomo anche i "malogrados" - i "malriusciti" - di Velàzquez e che, per converso, rende visibile la perfezione attinta esemplarmente dall'essere umano nella "Santa Barbara" del Maestro di Flémalle, dipinto particolarmente caro alla filosofa. Questo studio, al fine di porre in rilievo le diverse declinazioni della pietà nel pensiero zambraniano, propone una rivisitazione delle pagine del libro "Algunos lugares de la pintura". Qui lo studioso di filosofia può cogliere, tra le altre, dense notazioni sulle opere di Velàzquez, di Goya e di Zurbaràn, che "danno da pensare" non meno delle celebri pagine dedicate da Simmel all'arte di Rembrandt, da Merleau-Ponty al cromatismo di Cézanne, da Heidegger alle scarpe da contadino dipinte da Van Gogh e da Michel Henry all'astrattismo in Kandiskij. L'autore del volume non intende accreditare a Maria Zambrano un'improbabile "filosofia dell'arte" ma saggiare l'originalità di una riflessione che è filosofia, senz'altro.

Dettagli

Generi Psicologia e Filosofia » Filosofia occidentale e Storia della filosofia » Filosofia occidentale: dal 1900

Editore Rubbettino

Formato Brossura

Pubblicato 01/01/2007

Pagine 144

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788849817171

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La pietà della luce. Maria Zambrano dinanzi ai luoghi della pittura"

La pietà della luce. Maria Zambrano dinanzi ai luoghi della pittura
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima