Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Il predone, il barbaro, il giardiniere. Il tema dell'altro in Nietzsche
Il predone, il barbaro, il giardiniere. Il tema dell'altro in Nietzsche

Il predone, il barbaro, il giardiniere. Il tema dell'altro in Nietzsche

by Furio Semerari
pubblicato da Dedalo

13,17
15,50
-15 %
15,50
Disponibile.
26 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

"Predone", "barbaro", "giardiniere". Con queste immagini Nietzsche rappresenta tre distinte modalità di relazione con l'alterità: rispettivamente, la relazione di appropriazione, di crudeltà, di cura. La prima relazione non è altro che la stessa condizione di possibilità dell'esistenza: non si può vivere se non "prendendo" da ciò che è "fuori" di se stessi. La seconda relazione riguarda, essenzialmente, il passato della storia dell'uomo, che, per aspetti non secondari, è stata il dispiegarsi di una volontà di male dell'uomo nei confronti di un altro. La terza relazione riguarda il futuro della storia dell'uomo: un futuro da costruire, in alternativa al passato barbarico di questa medesima storia.

Dettagli

Generi Psicologia e Filosofia » Filosofia occidentale e Storia della filosofia » Filosofia occidentale: dal 1900

Editore Dedalo

Collana Nuova biblioteca Dedalo

Formato Libro

Pubblicato 01/01/2000

Pagine 240

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788822062321

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Il predone, il barbaro, il giardiniere. Il tema dell'altro in Nietzsche"

Il predone, il barbaro, il giardiniere. Il tema dell
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima