Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Tra prevenzione e repressione. Il domicilio coatto nell'Italia liberale
Tra prevenzione e repressione. Il domicilio coatto nell'Italia liberale

Tra prevenzione e repressione. Il domicilio coatto nell'Italia liberale

by Daniela Fozzi
pubblicato da Carocci

33,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Il domicilio coatto è una misura di pubblica sicurezza che consiste nell'obbligo di dimorare in un luogo designato dal ministro dell'Interno, per un tempo determinato e sotto una particolare disciplina, a cui sono sottoposti, con un provvedimento amministrativo, coloro che sono considerati pericolosi a causa delle loro tendenze antisociali, o presunte tali. Questo strumento venne introdotto per la prima volta in Italia con una legge eccezionale del 1863, la cosiddetta legge Pica, come mezzo di lotta al brigantaggio meridionale, diretto a colpire i "manutengoli" e i camorristi, ma anche gli oziosi. Il domicilio coatto, creato quindi e utilizzato inizialmente come provvedimento straordinario di ordine pubblico, divenne però poco dopo uno strumento preventivo ordinario previsto dalla legge di pubblica sicurezza del 1865, trasformandosi in un dispositivo di repressione politica.

torna su Torna in cima