Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La spada e Lo scettro. Due scritti politici. Testo latino a fronte
La spada e Lo scettro. Due scritti politici. Testo latino a fronte

La spada e Lo scettro. Due scritti politici. Testo latino a fronte

by Guglielmo Di Ockham - Guglielmo di Occam
pubblicato da BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

7,27
9,70
-25 %
9,70
Disponibile.
15 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

La notte del 26 maggio 1328, insieme a Michele da Cesena, ministro generale dei francescani, e ad alcuni altri confratelli, Guglielmo d'Ockham fugge da Avignone, dove si trovava in stato di fermo, in attesa che il pontefice si pronunziasse in merito alle accuse di eresia contestategli. Ha così inizio una straordinaria avventura biografica e intellettuale, che conduce il frate inglese a misconoscere l'autorità di papa Giovanni XXII e ad abbracciare la causa di Ludovico il Bavaro, divenendone uno dei principali collaboratori. Di questa avventura i due pamphlet contenuti nel presente volume - tradotti per la prima volta in italiano - offrono una preziosa testimonianza. L'epistola "Ad fratres minores" è una lettera aperta che Ockham invia ai confratelli radunati ad Assisi per il capitolo generale del 1334, al fine di illustrare i motivi che lo hanno indotto a ribellarsi apertamente al pontefice: nel constatare la assurda posizione assunta da Giovanni in merito alla questione della povertà evangelica, egli difende con determinazione la scelta di rinunzia totale ai beni del mondo, elemento principale dell'identità francescana.
Composto cinque anni più tardi l'"An princeps" contiene una serie di argomentazioni tese a dimostrare come i governanti temporali - nel caso specifico Edoardo III - possano fare ricorso ai beni ecclesiastici, attraverso un provvedimento di confisca o prelievo fiscale, per fronteggiare una situazione di emergenza, senza che sia necessaria nessuna autorizzazione preliminare da parte del pontefice. Le riflessioni del filosofo in relazione a questo tema, d'altra parte, si inseriscono nel contesto di una riconsiderazione globale del rapporto stato-chiesa che, muovendo da una critica serrata della presunta pienezza di potere papale, giunge a riconoscere al principe una sovranità territoriale assoluta.
Edizione con testo a fronte.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Periodi storici » Storia medievale

Editore Bur Biblioteca Univ. Rizzoli

Collana Classici

Formato Tascabile

Pubblicato 01/01/1997

Pagine 256

Lingua Italiano

Titolo Originale An princeps. Epistola ad fratres minores

Lingua Originale Latino

Isbn o codice id 9788817171526

Traduttore Stefano Simonetta

Curatore S. Simonetta

Prefatore Mariateresa Fumagalli Beonio Brocchieri

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "La spada e Lo scettro. Due scritti politici. Testo latino a fronte"

La spada e Lo scettro. Due scritti politici. Testo latino a fronte
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima