Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Lo spazio che educa. Il centro educativo italo--svizzero di Rimini
Lo spazio che educa. Il centro educativo italo--svizzero di Rimini

Lo spazio che educa. Il centro educativo italo--svizzero di Rimini


pubblicato da Marsilio

21,25
25,00
-15 %
25,00
Disponibile.
42 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Dal novembre 1943 al settembre 1944 Rimini subì pesanti bombardamenti che ne fecero al termine della guerra una delle città italiane più distrutte. Nell'estate del 1945 il Soccorso Operaio Svizzero si impegnò nella realizzazione di un centro di primo aiuto alla popolazione riminese sopravvissuta al conflitto, nell'ambito del Dono svizzero per le vittime della guerra. La scelta di aiutare la città di Rimini maturò a Milano durante la clandestinità, mentre ancora si combatteva, grazie a contatti in campo antifascista. Fu per incarico del Soccorso Operaio che nel luglio del 1945 iniziò in Svizzera il lavoro del piccolo gruppo che doveva portare aiuto alla città di Rimini, Margherita Zoebeli ne era a capo. La sua formazione e le sue capacità, già sperimentate in diverse missioni di aiuto all'infanzia durante la guerra civile in Spagna e la guerra mondiale in Svizzera e in Val d'Ossola, la ponevano a trentatré anni fra le persone più adatte a condurre una complessa esperienza. Margherita arrivò a Rimini verso la fine del 1945, mancavano pochi giorni a Natale. Felix Schwarz, l'architetto del gruppo, aveva ventotto anni quando la raggiunse poco tempo dopo. Insieme, nell'emiciclo dell'anfiteatro, realizzarono con tredici baracche militari dismesse un luogo di grande qualità spaziale, pensato per l'educazione. Il Centro Educativo Italo Svizzero sotto l'impulso di Margherita Zoebeli diventò subito residenza e scuola per i bambini orfani o con difficoltà familiari, poi scuola.

Dettagli

Generi Architettura Design e Moda » Architettura e Urbanistica » Storia dell'architettura » Edifici pubblici , Famiglia Scuola e Università » Educazione, Scuola e Università » Scuole

Editore Marsilio

Formato Brossura

Pubblicato 16/10/2012

Pagine 157

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788831713405

Autore Contributi Maristella Casciato

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Lo spazio che educa. Il centro educativo italo--svizzero di Rimini"

Lo spazio che educa. Il centro educativo italo--svizzero di Rimini
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima