Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Una storia di CasaPound. Nessun dolore
Una storia di CasaPound. Nessun dolore

Una storia di CasaPound. Nessun dolore

by Domenico Di Tullio
pubblicato da Rizzoli

7,42
16,50
-55 %
16,50
Disponibile.
15 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

Descrizione

Davide e Francesco, quarant'anni in due, si conoscono una domenica "come tante". Attaccati mani e piedi alla recinzione dello stadio Olimpico, stanno cercando di scavalcare per fare il tifo contro la Lazio. Sono entrambi figli di Roma, ma di anime diverse della città. Davide è dei Parioli, il quartiere bene, Francesco è cresciuto alla Garbatella, quartiere popolare per eccellenza: due universi da sempre separati e opposti. Quel giorno però non c'è differenza tra loro - sono tifosi romanisti in missione - ed è l'inizio di una indissolubile amicizia. Fianco a fianco diventano i leader carismatici del Blocco Studentesco e poi di CasaPound, stabile occupato che diventa centro sociale neofascista, cuore nero della capitale. E lì che vanno ad abitare ed è da quel palazzo che combattono le loro battaglie, quelle politiche e anche quelle di strada, contro le forze dell'ordine che arrivano a sgomberare,

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Rizzoli

Collana 24/7

Formato Brossura

Pubblicato 12/10/2010

Pagine 225

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788817035187

6 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
6
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Una storia di CasaPound. Nessun dolore

Anonimo - 19/10/2010 12:49

voto 5 su 5 5

Un autentico piccolo capolavoro. Una perla, fatta di prosa asciutta e scorrevole, chiaroscuro emozionale e vita vissuta. Cattura il lettore e lo trascina in un vortice di passioni "d'altri tempi". Quando attacchi non lo molli più. Appassionanti e a tratti spiazzanti le descrizioni di persone, ambienti, cose: alcune lasciano a bocca aperta (esempio, la descrizione degli abiti della ragazza a letto con Giorgio, in relazione alla sua vita sociale). Un plauso all'Autore, penna più che promettente.

Una storia di CasaPound. Nessun dolore

Anonimo - 17/10/2010 09:39

voto 5 su 5 5

Ottimo romanzo. Non è una agiografia di Casapound, semmai uno spaccato di una Roma nascosta, di un universo giovanile metropolitano che preferisce la lotta e la speranza del divenire alla narcosi del lasciarsi andare. Il racconto si sviluppa su una linea narrativa che subisce delle interferenze. Digressioni, retrospettive, rendono il libro avvincente. Ottimamente scritto. Sicuramente sentito. Probabilmente perché contaminato dal vissuto diretto dell'autore. Se dovessimo inquadrarlo in una categoria dovremmo inserirlo in quella del "romanzo cronachistico", semmai esista.

Una storia di CasaPound. Nessun dolore

Anonimo - 15/10/2010 16:40

voto 5 su 5 5

Un libro bellissimo! Si legge tutto d'un fiato... prosa scorrevole e piacevole, talvolta caustica e poetica. Non c'è mai autocompiacimento o narcisismo, ma molta vita vissuta e goduta attimo per attimo. Amicizia, fratellanza, cameratismo, amori disperati e veri (non quelli finti e fasulli delle fiction), l'irrazionale voglia di vivere dei giovani che non diventa nichilismo ma un "assalto al futuro". Leggere quest'opera è sicuramente il modo migliore per conoscere le "tartarughe" di CasaPound e i figli del fulmine cerchiato.

Una storia di CasaPound. Nessun dolore

Anonimo - 14/10/2010 22:08

voto 5 su 5 5

E' raro, molto molto raro, che finisca un libro di più di 200 pagine in meno di 24 ore... "Nessun Dolore" tiene letteralmente incollati alla pagina, facendo divorare i capitoli. E non è nemmeno il libro che mi aspettavo. E' molto di più e molto migliore. E non è un romanzo apologetico. E non è una saga tolkieniana o medievale con il buono senza macchia e senza paura che combatte il signore cattivo che l'ha imprigionato in una grotta buia da cui non riesce a uscire. E' un romanzo Epico. Nel senso più alto del termine. Duro e Solare. Come i volti di Flavio e Giorgio, i protagonisti del romanzo. Ed è un romanzo d'avventure. Gioiosamente violento e disperato. Come l'amore che anima i ragazzi protagonisti delle vicende narrate in queste pagine, degni eredi metropolitani dei moschettieri di Dumas e dei Corsari e dei Tigrotti di Salgari. Ed è un romanzo autobiografico con tutto ciò che comporta. Soprattutto se stiamo parlando di un avvocato penalista che difende i fascisti da più d'una decina di anni. Un romanzo tutto da scoprire che restituisce al lettore, finalmente, una Roma popolare, vissuta, che non è quella della guida turistica o dei romanzi di Dan Brown così come scruta nel carcere di Regina Coeli, o fotografa la foresta del sud-est asiatico del popolo Karen. Che conduce il lettore in un viaggio transgenerazionale tra i militanti neri di oggi e di ieri; con i loro riti, i loro simboli, i loro miti e i loro Capitani. Ed, ovviamente, li porta per mano proprio in mezzo alle loro battaglie, ideologiche e fisiche, perchè le une raramente si possono separare dalle altre; mettendo bene in luce la differenza d'azione e di stile tra i "vecchi" militanti e i nuovi "blocchetti", spesso insofferenti (ma sempre rispettosi) proprio verso le generazioni nere venute prima di loro. Un romanzo che non risparmia niente e nessuno, che non occulta, che non lascia niente di non detto e che non esalta inutilmente. Il finale dolce-amaro del romanzo, la buona scrittura e la cronaca dello scontro - reale - a Piazza Navona, carico di Etica, Epica ed Estetica, non possono che aggiungere punti decisivi alla valutazione: Dieci e lode.

Una storia di CasaPound. Nessun dolore

Anonimo - 14/10/2010 16:50

voto 5 su 5 5

Sono al terzo capitolo e non riesco a smettere: prosa asciutta, tratto essenziale, realistico fino all'osso. Si fa leggere tutto d'un fiato.

Una storia di CasaPound. Nessun dolore

Anonimo - 14/10/2010 16:41

voto 5 su 5 5

Uscito ieri e letto tutto d'un fiato. Appassionato, uno spaccato lucidissimo di un movimento di cui si sente parlare sempre di più e, di ribalzo, di un ambiente pressocché sconosciuto per decenni. Da comprare.

Recensioni successive...

    Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

    usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
    torna su Torna in cima