Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

La traversata. Settembre 1943-dicembre 1945
La traversata. Settembre 1943-dicembre 1945

La traversata. Settembre 1943-dicembre 1945

by Paolo Murialdi
pubblicato da Il Mulino

Prezzo:
9,30 7,90
Risparmio:
1,40 -15 %
mondadori card 16 punti carta PAYBACK
Disponibile.
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24 €.
Ordina ora per riceverlo giovedì 30 marzo.  (Scopri come).

Descrizione

"Vurìs fa il partigìàn tuta la vita", disse un compagno a paolo Murialdi quando si sentiva già aria di vittoria. Per Murialdi rivisitare oggi quel periodo fra il '43 e il '45 è l'occasione per rievocare non solo gli eventi che hanno segnato il triangolo di colline e montagne fra Voghera, Stradella e il passo di Penice, ma anche un'atmosfera morale fatta di amicizie, sodalizi, prove. Molte le pagine dedicate alla guerriglia, ai rastrellamenti, agli agguati alle azioni, fino all'ingresso in Milano insorta e alla missione "più grossa del Monte Bianco", affidata al suo comando, quella di eseguire le condanne a morte di Mussolini e dei gerarchi di Salò catturati sul lago di Como.

Dettagli

Generi Storia e Biografie » Storia dell'Europa » Storia militare

Editore Il Mulino

Collana Intersezioni

Formato Libro

Pubblicato  01/01/2001

Pagine  137

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788815081667


1 recensioni dei lettori  media voto 3  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
1
2 star
0
1 star
0
La traversata. Settembre 1943-dicembre 1945

Agnese - 04/12/2002 22:33

voto 3 su 5 3

Si tratta di una testimonianza scarna, essenziale e senza un’ombra di retorica sulla guerra partigiana nell’Oltrepo e sul clima che si respirava in Italia subito dopo la liberazione. Non per questo manca di sentimento, se vogliamo anche di parte, intendendo “di parte” in senso positivo: una giusta rivendicazione di chi fu partigiano, di chi aveva compiuto una scelta, di certo la più scomoda, senza aspettare l’evoluzione degli avvenimenti e della guerra. Non dimentichiamo che chi sceglieva di combattere contro tedeschi e fascisti era considerato disertore, sapeva coscientemente di mettere in gioco la vita. Venivano chiamati banditi da fascisti e repubblichini, oggi sicuramente sarebbero stati tacciati di terrorismo, ed invece, pur tra mille contraddizioni, combattevano per la democrazia. Questo dovrebbe indurci a riflettere.Prima di fare processi alla Resistenza si dovrebbe cercare di rientrare nei sentimenti e nel clima di allora, ricordare le violenze dei tedeschi e dei fascisti nostrani, più estreme e crudeli proprio nel momento dell’imminente loro crollo.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima