Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Alice in gabbia

by Arianna Gasbarro
pubblicato da Miraggi Edizioni

10,20
12,00
-15 %
12,00
Disponibile a partire dal 20/08/2018.
20 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c'è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un'ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati, a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell'open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull'altro. Le pause pausa-aria, pausa-mela, pausa-sclero - sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell'azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi italiani

Editore Miraggi Edizioni

Collana Golem

Formato Brossura

Pubblicato 28/01/2010

Pagine 128

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788896910016

1 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Alice in gabbia

Anonimo - 06/06/2011 12:50

voto 0 su 5 1

Mi spiace ma proprio non ci siamo... la Gasbarro mi sembra inutilmente incazzata e il dualismo tra apocalittici e integrati è più vecchio di Umberto Eco. In fondo tutti vorremmo evitare addirittura di lavorare e fare ciò che più amiamo con dedizione assoluta. D'altra parte i più non se lo potranno mai permettere e cercare di far credere, anche con un romanzo breve, che sia sufficiente sbattere la porta e stracciare un contratto, per risolvere il problema rasenta la truffa, sia pure editoriale. La metafora della timbratura in un Paese di assenteisti cronici e finti malati è ridicola. In certe aziende all'ingresso ci vorrebbe un cane lupo. E poi chi lavora sul serio il cartellino neanche lo calcola. Sul fatto di emigrare anche in Bangladesh invece sono pienamente d'accordo, se il tuo paese, la tua città non è grado di garantire un futuro valido e stimolante allora sì meglio andar via ma credo che i migliori lo stiano già facendo (anche nell'editoria dove l'Italia come al solito procede per famiglie, famigli e gruppetti vari) e andarsene senza menarsela tanto... nel libro invece Alice passa da Londra a Firenze suicidandosi professionalmente ancor prima di cominciare, ma si può?? Insomma, nonostante questa opera prima non convince proprio speriamo nella prossima.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima