Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Alla ricerca del Principe Dracula

Kerri Maniscalco
pubblicato da Mondadori

Prezzo online:
19,00
20,00
-5 %
20,00
Disponibilità immediata. la disponibilità è espressa in giorni lavorativi e fa riferimento ad un singolo pezzo
38 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

Dopo aver scoperto con orrore la vera identità di Jack lo Squartatore, Audrey Rose Wadsworth lascia la sua casa nella Londra vittoriana per iscriversi - unica donna - alla più prestigiosa accademia di Medicina legale d'Europa. Ma è davvero impossibile trovare pace nell'oscuro, inquietante castello rumeno che ospita la scuola, un tempo dimora del malvagio Vlad l'Impalatore, altrimenti noto come Principe Dracula. Strane morti si susseguono, tanto da far mormorare che il nobile assetato di sangue sia tornato dalla tomba. Così Audrey Rose e il suo arguto compagno, Thomas Cresswell, si trovano a dover decifrare gli enigmatici indizi che li porteranno all'oscuro assassino. Vivo o morto che sia.

8 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
3
4 star
3
3 star
2
2 star
0
1 star
0
Alla ricerca del Principe Dracula fede.parigi

-

voto 4 su 5 3,5 su 5 Rispetto al primo volume, la seconda avventura delle Indagini di Audrey Rose (e Thomas) presenta un intrigo un po più complesso e i diversi indizi controversi portano a sviare i sospetti diverse volte lungo le quattro settimane che i due giovani passano nellantica residenza del Principe Dracula. Lintrigo si infittisce, ampliando la platea dei personaggi secondari che ruotano attorno ai due protagonisti, e questa nuova platea di personaggi arricchisce il mondo creato da Kerri Maniscalco e che, oltre ai dettagli sulle autopsie e gli omicidi, mancava un po profondità nel primo volume. A fare le spese dellintroduzione di nuovi personaggi sono proprio Audrey Rose e Thomas. [] Audrey Rose, cara, se vuoi fare una cosa, e falla! In questo secondo volume è lapoteosi delle paturnie e dei richiami alla morale comune che, se da un lato lei vorrebbe mandarli a quel paese, dallaltro è un continuo appellarsi al senso comune per evitare di prendere una deciso che sia una. È estenuante leggere il suo continuo altalenarsi tra desideri contrastanti, che, partendo dal presupposto che è un modello del femminismo ottocentesco, non dovrebbe nemmeno dimostrare. [] Come dicevo, anche Thomas appare un un po sottotono, almeno allinizio della storia. Tutte le caratteristiche positive che nel primo volume ne fanno un gentiluomo atipico per il periodo, qui vengono messe per buona parte del romanzo in ombra dal cliché delluomo protettivo sì, ma forse un po soffocante sullindipendenza di Audrey Rose, portandolo a usare meno le proprie abilità deduttive anche per un segreto che coinvolge sua madre e i suoi antenati, legati al misterioso Ordine del Drago e a Vlad Tepes. Per fortuna, alla fine, la malizia e il sarcasmo che lo hanno reso il mio personaggio preferito fanno ritorno e lo salvano da una presenza altrimenti piatta. Lo stile di Kerri Maniscalco si riconferma in grado di attrarre il lettore in un mondo fatto di cadaveri, autopsie, leggende e sentimenti che rendono la storia accattivante, nonostante la tentazione di prendere a sberle la sua protagonista sia, in alcune occasioni, davvero forte. Ad aiutare, come non è successo nel primo volume, è lintrigo e la forte carica dei personaggi secondari, a discapito dei due principali. Due elementi che, se bilanciati meglio, avrebbero potuto dare una svolta a tutto il libro, come pure scegliere un target New Adult, per togliere un po di pressione ai freni imposti alla sessualità dei protagonisti, la causa di tre quarti delle ansie e dei paragrafi emotivi di Audrey Rose.
Alla ricerca del Principe Dracula klaudiart7

-

voto 4 su 5 Chiudendo un occhio sul fantasioso uso che viene fatto del castello di Dracula, al centro della storia, ci sono alcune morti sospette, un assassino da fermare, ma soprattutto i demoni che si porta dentro la protagonista. Le perdite non superate, ricordi dolorosi e riflessioni su se stessa, s'intrecciano spesso con le indagini e lo studio, ma non le impediscono di andare avanti, per scoprire la verità sui misteri del castello. Naturalmente sempre insieme allo pseudo Holmes, che qui ho trovato un pochino sotto tono Personalmente ho trovato la storia più intrigante e misteriosa della precedente, sarà l'effetto Dracula, anche se molto fantasiosa in alcuni dettagli. Nuovamente grazie all'autrice per la correttezza nell'aver precisato le sue "libertà autoriali e storiche" e le interessanti immagini tra i capitoli.
Alla ricerca del Principe Dracula silvia.ceolin

-

voto 5 su 5 «I mostri sono reali quanto le storie che li tengono in vita. E sopravvivono solo finché quelle storie vengono raccontate.» Parliamo del secondo libro della saga Stalking Jack the Ripper approdata in Italia nel mese di settembre, stiamo parlando del romanzo Alla ricerca del principe Dracula di Kerri Maniscalco, gentilmente inviatoci da Oscarvault. Questo secondo romanzo comincia subito dopo la conclusione del primo. La figura di Dracula mi ha incuriosita un po comè stato per Jack Lo Squartatore. Anche in questo caso trattandosi di un personaggio molto famoso lautrice è riuscita a raccontarlo in un modo unico, diverso dal solito. Lunico aspetto che personalmente non mi convince appieno dello stile narrativo di Kerri Maniscalco è la sua tendenza a dilungarsi molto nelle descrizioni e nei momenti in cui, soprattutto la protagonista, fa le sue riflessioni. Queste interruzioni rallentano la narrazione e soprattutto costringono il lettore a fermarsi dalla sua ricerca del colpevole. Questa prevalenza di momenti descrittivi è molto evidente nel secondo romanzo proprio perché lautrice ha voluto dare un sfumatura più storica. La storia viene sempre narrata solo dal punto di vista della nostra protagonista, Audrey Rose. Oltre ai pensieri che riguardano il caso la sua mente in varie occasioni si sposta verso il suo fedele compagno Thomas, il ragazzo che è sempre vicino a lei a dispetto di ogni cosa. Questo aspetto mi è molto piaciuto, di sicuro si tratta di una ragazza molto indecisa e insicura dei suoi sentimenti, complice anche il fatto che ci troviamo in una società completamente diversa rispetto alla nostra e quindi con regole e comportamenti molti lontani da quelli a cui siamo abituati adesso. Verso la seconda metà del romanzo la storia entra nel vivo, aumentano i sospetti, le morti e le indagini si fanno sempre più complesse, dando sempre molto spazio alla parte scientifica che in questa saga è lelemento distintivo. La parte finale mi ha colta completamente alla sprovvista. Come ogni romanzo con un mistero avevo le mie idee e i miei sospetti ma anche in questo caso lautrice è riuscita a sconvolgere tutto quello che avevo immaginato. Possiamo dirlo non sono unottima detective! Comunque a parte gli scherzi ci sentiamo di consigliare la lettura di questo secondo romanzo ma soprattutto di approcciarsi a questa storia che vi possiamo garantire non vi deluderà. Adesso non vedo lora di continuare questa fantastica avventura con il terzo volume.
Alla ricerca del Principe Dracula .ch1ara

-

voto 4 su 5 Ho apprezzato questo secondo libro più del primo. Interessante il cambio di luogo e la scelta della Romania, ma soprattutto stupenda l'idea di includere il personaggio di Dracula e numerose leggende. Lho divorato! Succedono davvero molte cose e fra l'azione e la suspense non vedevo l'ora di arrivare alla fine e scoprire il colpevole. I protagonisti si ritrovano a dover risolvere un altro enigma, che ovviamente comprende morti, autopsie e segreti, ma lo fanno con maggior consapevolezza e circospezione in quanto sono bloccati nel castello e circondati da potenziali assassini. Ho apprezzato l'evoluzione della storia d'amore, che non mi aveva convinto del tutto nel primo capitolo.
Alla ricerca del Principe Dracula sofiaturturici

-

voto 5 su 5 RECENSIONE A CURA DI "LA RAGAZZA DEI LIBRI" Mistero, suspense, scenari gotici e macabri fanno da cornice ad una storia fatta di passione, determinazione e fragilità. Dopo aver adorato il primo volume della quadrilogia, non si può non amare ancor di più questo volume. Con "Alla ricerca del Principe Dracula" Kerri Maniscalco si salda nei nostri cuori, riconfermando una scrittura semplice e scorrevole, caratterizzata da picchi di ironia tagliente e maliziosa che fa vibrare ogni fibra del corpo dei lettori. Le descrizioni sono minuziose e ci portano a percorrere con i nostri stessi piedi il Castello di Bran e i luoghi percorsi dai protagonisti. La storia è raccontata anche questa volta dal punto di vista della protagonista, Audrey Rose, infatti rispetto a "Sulle tracce di Jack Lo Squartatore", la voce di Thomas non è presente, se non alla fine del libro con una sorpresa che non voglio rovinarvi. Anche in questo libro c'è qualche refuso ma viene totalmente surclassato dalla storia. Qui, contenutisticamente parlando, vediamo un cambiamento nei nostri protagonisti; infatti, leggendo noteremo subito la tendenza della scrittrice nel voler scavare ancor di più nell'animo dei personaggi. Audrey Rose, in questo secondo libro, non si vergogna nel mostrarsi ai suoi lettori nella sua veste più fragile: nuovi mostri disturbano il suo sonno ed anche la sua quotidianità; il suo animo ricoperto di corazza è messo a dura prova da una valanga di emozioni che non vogliono essere controllate. La sua personalità si fa fragile ed esposta ma combatterà duramente contro se stessa per andare fino in fondo a questa nuova avventura. Thomas invece lo vedremo più umano ma molto più coraggioso e sicuro di quello che vuole. Rispetto al primo libro, infatti, non abbiamo più di fronte l'automa attraente ed ironico che tanto ci ha fatto battere il cuore. Qui, ci troveremo di fronte un uomo che accetta i suoi sentimenti, che non li combatte ma li nutre. Inoltre, l'intreccio è molto più ricco di misteri e di suspense: il lettore si ritrova coinvolto in misteriosi intrighi, leggende ed omicidi che lo farà rimanere con gli occhi piantati sulle pagine ( io ho impiegato tre giorni per leggerlo!). E' infatti molto apprezzabile la minuziosità con la quale l'autrice descrive luoghi, pezzi di storia e leggende, pur ammettendo di aver utilizzato anche molta libertà nello sviluppare alcune storie, ed i personaggi; e di aver cambiato anche l'arco temporale di molti avvenimenti. Anche la storia tra Audrey Rose e Thomas muta: li vedrete più coinvolti e meno timorosi; più sfacciati e maliziosi...Insomma sarà tutto un brivido a 360°!! La conclusione è quella che più vi stupirà, ancora una volta la Maniscalco ha saputo far scervellare i lettori per risolvere il mistero (ma ahimè si ritroveranno a rendersi conto di aver percorso strade sbagliate ! ) Avrete capito che questo secondo libro mi ha coinvolta molto di più del primo, per il fascino dei luoghi e delle leggende raccontate; per la storia sempre più intensa tra i personaggi; per il coinvolgimenti di nuovi personaggi secondari che non potrete non amare; e per il mistero ancor più complicato e terrificante! Voto tecnico: Voto contenuto: e mezza Voto conclusivo: e mezza
Alla ricerca del Principe Dracula giuliabianchi1997

-

voto 3 su 5 Mi sembra ovvio che la parte del viaggio e alcuni riferimenti siano citazioni in omaggio a Bram Stoker. È proprio questo che mi piace della Maniscalco: parte sempre dalle storie e dai personaggi "originali" come se fossero le basi per un retelling. Ottimo per entrare nel mood invernale ( in parte anche nelle "vibes" Dark Accademia) e per chi ha il blocco del lettore . Mi ha entusiasmato meno del primo volume a causa dell'impaccio emotivo dei due protagonisti. In parte ho capito e sostenuto Audrey Rose per il suo "Hangover" dalla fine del primo libro ma a tratti, proprio lei è risultata un po' stucchevole e melodrammatica. Il personaggio di Mister Thomas Cresswell mi è leggermente caduto di un gradino: lo avreo preferito più stoico, freddo e calcolatore (nonostante le motivazioni che ci vengono fornite). Se nel primo volume la coppia Worth-Well mi era sembrata Watson e Holmes questa volta ciò che li aveva accumunati ai personaggi di Doyle svanisce come una sagoma messa in controluce. Viene dato più spazio all'emotività, ai legami famigliari e... Si, anche a quelli pudicamente romantici. Tra cui un tentativo un po' impacciato di portare all'attenzione del lettore un amore donna-donna (anche se il solo averci provato è encomiabile). Aspettatevi alcuni dettagli splatter niente male.
Alla ricerca del Principe Dracula itsmeels

-

voto 5 su 5 Siamo nel secondo capitolo di questa bellissima avventura, e ci troviamo ora in Romania alle prese con una delle leggende forse più famose. Da amante delle leggende mi sono ritrovata particolarmente bene in questo contesto, ed inoltre è stato come se la stessa autrice, dopo il primo libro, si sentisse più "vicina" ad Audrey Rose. Come per il primo anche qui grazie ai momenti tra lei e Thomas il libro ottiene una "leggerezza" in più e non risulta in alcun modo pesante o noioso. Mi è piaciuto molto più del primo.
Alla ricerca del Principe Dracula vivianaamato

-

voto 3 su 5 In questo secondo volume della serie, i due protagonisti, Audrey Rose e Thomas, si ritroveranno in viaggio sull'Orient Express con destinazione Romania. Entrambi per raggiungere la scuola di Medicina Legale e diventarne allievi. Ancora scossi per ciò che è successo durante la caccia a Jack lo Squartatore, si appoggiano l'un altro per poter "sopravvivere" in questo nuovo ambiente. E' dura, soprattutto per la protagonista che tenta di non lasciarsi sopraffare da persone inserite in un settore lavorativo dove le donne sono mal viste, ritenute deboli e incapaci di diventare dei veri medici forensi. Anche stavolta, la lettura è leggera, scorrevole. I termini tecnici usati durante le lezioni sono di facile comprensione. Contrariamente al primo caso di omicidi avvenuti nel primo libro, almeno secondo il mio parere, questo si rivela meno "affacinante". Malgrado l'interessante inserimento delle leggende basate su Dracula, non sono riuscita a farmi coinvolgere completamente dall'investigazione. Ho apprezzato però l'apparizione di nuovi personaggi secondari importanti per lo sviluppo della trama e l'evoluzione sentimentale tra Audrey Rose e Thomas. Identità dell'assassino ancora una volta prevedibile, ma movente debole e poco interessante. Finale che ti invoglia sicuramente a volerne leggere il seguito.
Recensioni successive...

    Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

    usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
    torna su Torna in cima