Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Altre inquisizioni
Altre inquisizioni

Altre inquisizioni

Jorge Luis Borges
pubblicato da Adelphi

Prezzo online:
19,00
20,00
-5 %
20,00
Disponibile in 2-3 giorni. la disponibilità è espressa in giorni lavorativi e fa riferimento ad un singolo pezzo
38 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App

Il libro raduna scritti apparsi in varie sedi fra il 1934 e il 1952. Borges è riuscito a dire cose nuove su autori talora celeberrimi, talora trascurati. Si tratti di Cervantes o di Kafka, di Wilde o di Chesterton, di Hume o di Berkeley, di Bloy o di Schopenauer, di Beckford o di Coleridge, tutti gli autori qui trattati sembrano diventare, senza alcuna forzatura, anelli di una catena anonima e infinita, dove, occultato, il lettore incontrerà anche l'anello che corrisponde a Borges stesso.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Storia e Critica letteraria » Teoria della letteratura » Prosa letteraria

Editore Adelphi

Collana Biblioteca Adelphi

Formato Libro

Pubblicato 07/06/2000

Pagine 240

Lingua Italiano

Titolo Originale Otras inquisiciones

Isbn o codice id 9788845915383

Traduttore Francesco Tentori Montalto

Curatore Fabio Rodriguez Amaya

1 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Altre inquisizioni amarta60

-

voto 5 su 5 Come la grotta di Aladino, abbaglia e seduce. Qualche gemma: Il sogno di Coleridge. Ho letto Kubla Khan all'università e mi ha ipnotizzata. Il commento di Borges mi ha fatto lo stesso effetto. Il nostro povero individualismo. E' l'unico saggio che mi ha fatta sorridere alle spese dell'autore: parla di illusioni del patriottismo, ma si rivela comicamente campanilista quando ci compiace della libertà di pensiero degli argentini. Nathaniel Hawthorne. Protagonista della mia tesi di laurea, N.H. secondo Borges inventa situazioni, non personaggi: quindi sono migliori i racconti rispetto ai romanzi, dove i personaggi non reggono la misura della narrazione. Un'osservazione illuminante. Poi c'è questa frase, che traduco dalla mia copia in spagnolo: "Hawthorne era uomo di continua e curiosa immaginazione, ma refrattario, diciamo così, al pensiero. Non dico che fosse stupido; dico che pensava per immagini, per intuizioni, come sono solite pensare le donne, non tramite un meccanismo dialettico". Be', ecco. Andiamo avanti. Il primo Wells. Una frase interessante sull'onniscienza del narratore: "Quando un autore si limita a riferire dei fatti o a tracciare il tenue vagare di una coscienza, possiamo presumerlo onnisciente, possiamo confonderlo con l'universo o con Dio; quando si abbassa a ragionare, lo scopriamo fallibile". Autori, non sporcatevi le mani con le discussioni. La vastissima cultura di Borges, le innumerevoli fonti cui attinge e le tante lingue in cui cita con naturalezza sono universi in cui ci si perde volentieri a bocca aperta. Confesso però che a un certo punto l'ho tradito e non ho finito il saggio sulla refutazione del tempo - troppa filosofia, per me. Preferisco la letteratura.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima