Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

«Erano sbirri corrotti e artisti del ricatto. Erano intercettatori, soldati di fortuna e cabarettisti froci. Se solo un istante delle loro esistenze avesse imboccato un percorso diverso, la storia americana come noi la conosciamo non sarebbe esistita.» J. Edgar Hoover, capo dell'FBI. Jimmy Hoffa, presidente del sindacato dei trasporti. Howard Hughes, editore miliardario. Robert Kennedy, senatore. John F. Kennedy, senatore e poi presidente degli Stati Uniti. Tra il 1958 e il 1963 questi erano gli uomini che tenevano in pugno l'America. Ma erano anche i protagonisti di una guerra sporca e segreta, affidata a spie corrotte e trafficanti di droga, a killer e prostitute. Mai così amaro, mai così violento, James Ellroy racconta, nuda e cruda, la storia di un'America senza eroi. Un'America che ha perso anche il ricordo dell'onore e dell'innocenza.

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi contemporanei

Editore Mondadori

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 24/06/2014

Lingua Italiano

EAN-13 9788852031724

1 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
American Tabloid nicca68

nicca68 - 08/07/2016 10:09

voto 4 su 5 4

American Tabloid dà un resoconto, tra fiction e realtà, dell'America, dalla fine degli anni '50 all'assassinio di J.F. Kennedy; ci sono il futuro presidente e suo fratello Robert, mafia, F.B.I., C.I.A., Castro, la baia dei porci, Howard Hughes, Frank Sinatra, Jimmy Hoffa, il Ku Klux Clan ... il tutto visto attraverso le vicende di tre personaggi: Kemper Boyd, agente dell'FBI infiltrato nel clan Kennedy, in combutta con la CIA in un progetto di rivolta anti-castrista. Forse sorretto da un desiderio di ascesa sociale, si invischia in un pantano di doppi e tripli giochi, di bugie, di omicidi cruenti, e per mantenere lucidità è costretto a far alto uso di droghe. All'inizio può sembrare l'eroe positivo, quello senza macchia e senza paura che spesso l'America esalta, ma è come se un'indole distruttiva si impossessi di lui tanto da fargli abbandonare, senza remore, tutto ciò che è 'pulito' e 'retto', persino l'amore per Laura, sorella illegittima di J.F.K., e quello per la figlia Claire. Ward Littel, collega e amico fraterno di Boyd, sempre sul baratro di una follia ossessiva; da prima strenuo nemico del crimine organizzato e ammiratore di Robert Kennedy (che si batte per sconfiggere la mafia), poi, al pari di un bambino, deluso dal proprio oggetto di venerazione, diventa avvocato di fiducia di mafiosi sorretto dal proprio odio verso i Kennedy. Al pari di Boyd, anche lui sacrifica l'amore alla propria ossessione. Tra i due, e sballottato dall'uno all'altro, Pete Bondurant, ex sbirro ora al servizio della Mafia e del profitto; il personaggio 'davvero' cattivo e senza scrupoli che, in una parabola inversa rispetto ai due compari, si innamora e assume quelle connotazioni di umanità che i complici perdono. Non ci sono personaggi 'positivi', a cominciare da John Fidzgerald Kennedy: un donnaiolo (uno scopatore da sei minuti), uno stupido e un incapace; il naturale prodotto di una famiglia corrotta; il direttore generale dell'F.B.I. J.Edgar Hoover, un pornografo; il miliardario, imprenditore e produttore cinematografico Howard Hughes razzista, ipocondriaco e guardone; il sindacalista Jimmy Hoffa colluso con la mafia; Frank Sinatra ... Nessuno si salva, tra gli uomini! Forse solo Robert Kennedy, mentre le poche donne sono integre nel proprio alone di innocenza e di amore, anche quando sono sulla 'cattiva strada'. Gli unici che mantengono coerenza (seppur nel male) e una sorta di etica, sono i mafiosi. La scrittura di Ellroy, così come il suo punto di vista totalmente distruttivo e violento, può piacere oppure no. Non ci sono mezzi termini, non c'è un nì. I 'mezzi termini' non li usa nemmeno l'autore: tutto è violenza, tutto è degradazione, tutto è corruzione, in un girone infernale concentrico, senza uscita.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima