Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Barche si perdono a terra. Scritti su barche, mari e marinai (1984-2012) (Le)

by Arturo Pérez-Reverte
pubblicato da Marco Tropea Editore

15,00
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp
Esaurito
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin google whatsapp

E un'antica e bruciante passione, quella che Arturo Pérez-Reverte nutre per il mare: da sempre ne studia la storia, la letteratura e le leggende, oltre che percorrerlo come esperto navigatore. Questo volume raccoglie novantasei testi dello scrittore spagnolo sul tema. Si tratta di una multiforme indagine fra gli abissi, con una chiara predilezione per l'amato Mediterraneo: c'è il sangue che scorre dagli ombrinali, ci sono Omero, Stevenson e Mac Orlan, Conrad, Melville e O'Brian, e la meteorologia, le tempeste perfette, la difesa del tonno e delle balene, le avventure con le lance dei guardacoste. Il mare attrae irresistibilmente a sé Pérez-Reverte per la sua bellezza indomita e anche per la sua crudeltà: per le avventure che vi nascono, per gli eroi, i criminali e i fantasmi che lo percorrono, romantici e coraggiosi. Ma nutre anche la vena più autenticamente iconoclasta e polemica dello scrittore. Il lettore si sente chiamato a imbarcarsi con Reverte e i Fratelli della costa con la sciabola d'abbordaggio fra i denti, una cima in mano e la bandiera con il teschio e le tibie incrociate e può diventare marinaio e corsaro, ammutinato del Bounty, ramponiere del Pequod, rematore del re di Itaca e, suo malgrado, testimone della recente tragedia della Costa Concordia. Prefazione di Jacinto Anton.

La nostra recensione

Pagine d'antologia: in parte racconti, in parte brevi saggi, in parte elzeviri, tutti accomunati dal tema del mare, dei suoi paesaggi e personaggi, permeati dal sapore salmastro dell'avventura. Alcuni sono stati pubblicati in anteprima quest'estate sul Corriere della sera, ma la maggior parte, comparsi nella rubrica Patente di corsa di Prez-Reverte su XL Semanal sono inediti in Italia, e arricchiscono la conoscenza dell'autore che, da tanti anni romanziere a tempo pieno, dimostra di non aver perso il suo sguardo acuto e sarcastico sull'attualità, come quando deride il politically correct del governo spagnolo, secondo lui eccessivamente debole nei confronti dei pirati somali appostati nell'Oceano Indiano. E per togliere ogni alone romantico ai pirati, fomentato anche dalla letteratura e dalla filmografia, aggiunge un esauriente excursus storico sulle differenze tra pirati, filibustieri, bucanieri e corsari.
I tempi d'oro della marineria sono finiti, oggi le grandi navi non sono più gestite dai capitani, ma dalle Compagnie armatrici, osserva l'autore nell'ultimo testo, dedicato alla tragedia della Costa Concordia, e commenta che in altri tempi, ' La vigliaccheria del capitano Schettino sarebbe stata punita con la forca '
Daniela Pizzagalli

Dettagli

Generi Non definito

Editore Marco Tropea Editore

Formato Brossura

Pubblicato 05/09/2010

Pagine 323

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788855802260

Traduttore E. Mogavero  -  G. Carraro

torna su Torna in cima