Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Caduta libera

by Nicolai Lilin
pubblicato da Einaudi

14,70
21,00
-30 %
21,00
Disponibilità immediata.
29 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

Nel settembre dell'anno 1999 la Federazione Russa annuncia ufficialmente l'inizio della seconda operazione antiterroristica nel territorio della Repubblica Federativa della Cecenia e nella zone confinanti con il Caucaso del Nord. Lilin racconta quello che hanno vissuto i giovani dell'esercito russo in quel periodo, durante il loro servizio militare obbligatorio; e quello che hanno vissuto i civili, mentre nella loro terra operavano due eserciti nemici. L'autore eli Educazione siberiana narra in presa diretta la vera faccia della guerra, quella che non si vede nei film, nei documentari, e che si vede solo a tratti nei reportage giornalistici o nei racconti degli osservatori di pace e dei difensori dei diritti umani. Racconta tutto in modo tale da permettere a ogni lettore di vivere i momenti della guerra, di attraversarla a fianco dei soldati, di sentirne l'oscenità sulla propria pelle. Mostrandone soprattuto le contraddizioni. Un libro che vuole essere apolitico, neutrale; che racconta la guerra, la vita e la morte, le ingiustizie, gli orrori e gli atti di onestà così come apparivano nella vita di ogni giorno in Cecenia; che descrive le sensazioni, la perdita dell'equilibrio, i cambiamenti dell'essere umano che avvengono nel caos, oltre i limiti dell'etica e della morale. Non un saggio storico, ma un romanzo costruito su particolari veri, con vite vere.

La nostra recensione

Giovane tatuatore nato a Bender, nell'ex Unione Sovietica, ma italiano d'adozione, Nicolai Lilin è l'autore del romanzo rivelazione Educazione siberiana. Un libro come se ne leggono pochi, che racconta di un mondo scomparso, quello degli Urka siberiani, la comunità di criminali deportata da Stalin al confine con l'attuale Moldavia, in una terra di nessuno che è la Transnistria. Lilin si sente parte degli ultimi discendenti di questa stirpe guerriera, uomini che usano definirsi "criminali onesti" atavici nemici dei "criminali disonesti".
Dopo il successo di questo durissimo romanzo di formazione, Nicolai Lilin torna con un'opera ancora più dura e spietata, che narra in presa diretta la vera faccia della guerra. E lo fa raccontando in prima persona la sua esperienza di diciottenne in Cecenia nelle fila dell'esercito russo. Costretto a combattere durante il servizio di leva obbligatorio al tempo della seconda guerra cecena, Lilin viene arruolato in uno dei reparti più pericolosi, quello dei sabotatori, con il compito di cecchino. Dal primo contatto con la morte, che prevede il recupero dei cadaveri dei compagni caduti in battaglia, alle interminabili battaglie contro nemici indistinti, in una vera e propria caduta libera verso il baratro, Lilin racconta la paura e la ferocia di chi è costretto a vivere ogni giorno nella distruzione totale, accompagnato dal delirio delle violenze e delle torture. Rivelando come gli uomini, guidati unicamente dall'istinto di sopravvivenza, perdano la nozione di giusto e sbagliato. Fino a provare il piacere di uccidere. Fino a dimenticare di essere uomini.
Athena Barbera

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Narrativa di Avventura » Storie di guerra , Romanzi e Letterature » Avventura

Editore Einaudi

Collana Supercoralli

Formato Rilegato

Pubblicato 02/04/2010

Pagine 326

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788806200633

3 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
1
4 star
1
3 star
0
2 star
1
1 star
0
Caduta libera a.diemme

Andrea Dalmaschio - 05/11/2013 15:40

voto 4 su 5 4

Secondo romanzo di Lilin, ancora più cruento del precedente. Nonostante tutto resta un racconto intensissimo che fa delle crudeltà del conflitto ceceno un interessante spunto di riflessione sulla natura umana (incapace di non autoeliminarsi) e sulla fratellanza di coloro che - per ideale o per obbligo - fanno parte di questa assurda realtà che è la guerra. Io apprezzo particolarmente la sua scrittura in prima persona, dove la realtà del racconto autobiografico si confonde con la fantasia del romanziere.

Caduta libera icegrind

Andrea Tinarelli - 10/05/2013 13:47

voto 5 su 5 5

Bel libro, racconta di un passato solo all'apparenza lontano, di cui si parla molto poco e da un punto di vista interessante. La scrittura è veloce e di facile comprensione, ma allo stesso tempo evocativa e "fotografa" le scene vissute dall'autore, cosa propria di tutta la "serie" ma che in questo volume prende tutta un altra luce, anche a causa degli argomenti trattati, ovviamente secondo il mio personale parere.

Caduta libera

Anonimo - 14/10/2010 12:01

voto 2 su 5 2

L'inizio è scoppiettante ma mano a mano che si prosegue subentra la ripetitività e il racconto diventa noioso. Molto meglio il primo libro ("Educazione siberiana").

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima