Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Caligola. Impero e follia

by Franco Forte
pubblicato da Mondadori

10,62
12,50
-15 %
12,50
Disponibilità immediata.
21 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

Ha appena cinque anni, Gaio Giulio Cesare, quando il padre decide di portarlo con sé per una campagna militare nelle terre da cui ha preso il suo nome: la Germania. Perché suo padre è Germanico, il più potente e acclamato generale di Roma. L'uomo che molti vorrebbero incoronare imperatore, al posto dell'odiato e temuto Tiberio. Il comandante che non ha paura di nulla, tranne che di un essere umano: la moglie, Agrippina, nipote di Augusto, la madre dei suoi figli. Tra loro c'è Gaio, che non ama il suo nome e preferisce il soprannome che gli hanno dato i suoi amici legionari, cui procura schiave e divertimenti, ottenendo in cambio di essere accolto nel loro gruppo e ricevere i loro duri insegnamenti. Quel soprannome che prende origine dalle calzature militari troppo larghe che ha sempre ai piedi, le "caligae". Quel soprannome che porterà con sé per tutta la vita: Caligola. E quando suo padre Germanico viene avvelenato ad Antiochia, la terza città più grande del mondo, il piccolo Caligola giura che avrà la sua vendetta. E in quel momento che capisce che essere amato non basta, che essere un grande guerriero non è sufficiente, che il vero potere risiede nelle informazioni. Per questo impara ad attraversare non visto i corridoi dei palazzi imperiali, dove viene a conoscenza di trame, intrighi e congiure, ordite da uomini assetati di potere e da donne crudeli e disinibite. Sotto il sorriso maligno del vecchio Tiberio, che pare avere stretto un patto con gli dèi, tanto si mantiene lucido, energico e spietato...

Dettagli

Generi Gialli Noir e Avventura » Romanzi storici , Romanzi e Letterature » Narrativa d'ambientazione storica

Editore Mondadori

Collana Oscar bestsellers

Formato Tascabile

Pubblicato 05/07/2016

Pagine 403

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788804662594

1 recensioni dei lettori  media voto 4  su  5
Scrivi una recensione
5 star
0
4 star
1
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Caligola. Impero e follia alessandro356

Alessandro - 24/08/2018 10:28

voto 4 su 5 4

Mi ha attratto fin dal primo istante. Affascinante e leggero, seppur in modo sempre romanzato tenta di rivalutare lImperatore Caligola, calunniato per secoli da falsità filo-senatoriali. Un protagonista che lautore riesce a farci amare, coinvolgendoci nella sua storia fino agli ultimi terribili istanti. Accidenti ci sono rimasto male per tutti i suoi grandi progetti mai realizzati, in cima alla lista spostare il centro di potere lontano da quel covo di ratti che era Roma. Questultima viene delineata in modo crudo e bruttale. Altro che la Città Eterna, qui si mostra il suo aspetto peggiore: una città fraudolenta e corrotta. Il Senato è un vero e proprio cancro vivente, fonte inesauribile di lotte e instabilità. I pretoriani sono sempre più avidi di potere e refrattari a qualsiasi forma di onore e lealtà. La corte imperiale, mai liberata dagli intrighi politici della vecchia repubblica, pullula di terribili delitti e complotti. Una città intrisa di sangue, tradimento e decadenza morale, dove non ci si può fidare di nessuno. Da ciò deduciamo una cosa: forse il problema non era Caligola, non era Nerone, ma la stessa civiltà romana, marcia fin dalle fondamenta. I miei personaggi preferiti sono senza dubbio Caligola e sua sorella Drusila. Della maggior parte degli altri ciò che più colpisce è lambiguità, lautore fa in modo che neanche il lettore possa capire se siano o no invischiati nei vari complotti. Perché a Roma non ci si può fidare di nessuno, non si può sapere chi è colpevole e chi no. Mentre i peggiori, i più spregevoli, sono senza dubbio Seiano, Cherea e il falso imperatore Tiberio, solo grazie alla lui la dinastia di Augusto si è estinta. È sicuramente un buon libro tuttavia non è perfetto. La ricostruzione della realtà politica romana, come ho già detto, è davvero buona, però la realtà generale mi è sembrata più carente, meno convincente. Sotto questo punto di vista, soprattutto dopo aver letto Carthago, mi aspettavo di meglio dallautore. Inoltre le scene di sesso sono abbastanza esagerate.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima