Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Caramelle. Quale amore giustifica il desiderio di un figlio?
Caramelle. Quale amore giustifica il desiderio di un figlio?

Caramelle. Quale amore giustifica il desiderio di un figlio?

by Maria Cristina De Montis
pubblicato da Ass. Terre Sommerse

13,50
15,00
-10 %
15,00
Disponibile.
27 punti carta PAYBACK
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

L'intenso desiderio di avere un figlio è garanzia della capacità di prendersi cura del suo futuro benessere? E amore altruistico autentico ciò che spinge alla genitorialità ad ogni costo? Sono queste le domande che l'autrice pone a noi tutti facendo leva sul senso di responsabilità che la società intera deve assumersi nei confronti dei bambini da concepire, da adottare o da affidare ad altri. Il racconto, ripercorrendo in modo parallelo la storia e il vissuto dell'incontro di una psicologa con un bambino, porta a considerare le motivazioni profonde che sottendono il desiderio di genitorialità e viene a rammentare, a una società che deve rispondere a simili interrogativi, quali sono e a chi appartengono i reali diritti da rispettare.

Dettagli

Generi Famiglia Scuola e Università » Famiglia e Figli » Relazioni interpersonali

Editore Ass. Terre Sommerse

Collana Prismi

Formato Libro

Pubblicato 11/11/2016

Pagine 70

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9788869010613

Curatore N. Carosi

3 recensioni dei lettori  media voto 5  su  5
Scrivi una recensione
5 star
3
4 star
0
3 star
0
2 star
0
1 star
0
Caramelle. Quale amore giustifica il desiderio di un figlio? fmpisarri

fmpisarri - 24/02/2017 20:38

voto 5 su 5 5

La storia di un amore, di un amore tragico, segnato sin dall'inizio dallimpossibilità di essere normali se non nellamore corrisposto, nellaccoglienza, nellascolto e nella cura. Già, perché prendersi cura significa aprirsi a un mondo, andare verso laltro senza attenderci da lui niente di più di quello che potrà darci, senza sovraccaricarlo di aspettative che sono la negazione dei suoi veri bisogni. Amare significa in qualche modo scordarsi di sé, rigenerarsi nellaltro accogliendolo come un dono, come un evento, unepifania di mondi sconosciuti, di sensi ancora inespressi liberando noi stessi dalla schiavitù del qui e ora per proiettarci nel mondo del possibile. Certo non possiamo dimenticare la nostra storia e lautrice certo non lo fa ma nello stesso tempo sa indicarci la strada di quellapertura che sola rende possibile il rapporto e così la storia, si snoda lungo un possibile itinerario di salvezza che la stupidità degli uomini renderà impossibile. Ancora una volta lincomprensione prenderà il sopravvento sulla vita uccidendo la speranza che quellamore aveva provato a riaccendere. Lautrice non scrive un trattato di psicoanalisi ma una storia, la sua storia, il suo cambiare, il suo divenire madre a contatto con il dolore dellaltro che cresce, che si sforza di superare il nulla in cui è stato gettato dallindifferenza del mondo. Una storia scritta di getto, con passione e con intelligenza, senza indulgere in sentimentalismi o autocompiacimento. Lautrice ha mantenuto sempre un tono equilibrato senza rinunciare alla profondità dei sentimenti e delle emozioni che traspaiono a ogni rigo e che fanno da sfondo a tutta la narrazione. Bisogna abbandonarsi alle parole e ai suoni di questo racconto rinunciando al tentativo immediato di comprenderlo per assaporarlo invece come una "caramella".

Caramelle. Quale amore giustifica il desiderio di un figlio? manuel_90

manuel_90 - 22/11/2016 18:58

voto 5 su 5 5

Raccontando il legame instauratosi con il piccolo Shedir, Maria Cristina de Montis si apre al lettore. Con un romanzo dalla scrittura sobria e semplice, tanto da assumere l'aspetto di una relazione sul senso dell'essere genitore. Il forte coinvolgimento emotivo messo in campo dall'autrice è il cuore pulsante del testo, che racconta problematiche reali con cui si dovrebbero fare i conti. Una storia che tocca nel profondo e vuole far riflette.

Caramelle. Quale amore giustifica il desiderio di un figlio? manuel_90

manuel_90 - 14/11/2016 14:00

voto 5 su 5 5

Raccontando il legame instauratosi con il piccolo Shedir, Maria Cristina de Montis si apre al lettore. Con un romanzo dalla scrittura sobria e semplice, tanto da assumere l'aspetto di una relazione sul senso dell'essere genitore. Il forte coinvolgimento emotivo messo in campo dall'autrice è il cuore pulsante del testo, che, a prescindere dalle posizioni forti sui temi della stepchild adoption e dell'utero in affitto, racconta problematiche reali con cui si dovrebbero fare i conti. Una storia che tocca nel profondo e vuole far riflette.

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima