Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

Sopravvissuti alla carneficina della Grande Guerra, nel 1918 Albert e Édouard si ritrovano emarginati dalla società. Albert, un umile e insicuro impiegato che ha perso tutto, proprio alla fine del conflitto viene salvato sul campo di battaglia da Édouard, un ragazzo ricco, sfacciato ed eccentrico, dalle notevoli doti artistiche. Dopo il congedo, condannati a una vita grama da esclusi, decidono di prendersi la loro rivincita inventandosi una colossale truffa ai danni del loro paese ed ergendo il sacrilegio allo status di opera d'arte. Affresco di rara potenza evocativa, Ci rivediamo lassù è il romanzo appassionante e rocambolesco che racconta gli affanni del primo dopoguerra, le illusioni dell'armistizio, l'ipocrisia dello Stato che glorifica i suoi morti ma si dimentica dei vivi, l'abominio innalzato a virtù. In un'atmosfera crepuscolare e visionaria, Pierre Lemaitre orchestra la grande tragedia di una generazione perduta con un talento e una maestria impressionanti, inserendosi a pieno titolo nella tradizione di quei romanzieri capaci, da Dumas a Victor Hugo, di fondere la passione che si sprigiona dalle grandi storie con l'eccellenza letteraria.

La nostra recensione

Che cosa cerca un lettore in un buon romanzo popolare? Personaggi “vivi”, ambientazioni “visibili”, azioni trascinanti, quello che un po’ sbrigativamente amiamo definire una “trama avvincente” e che è il sapiente e ricercato intreccio e amalgama di tutto ciò in un’opera di fantasia attraverso la narrazione dell’autore. E quindi, questo romanzo di Pierre Lemaitre, che in Francia ha conquistato il prestigioso Prix Goncourt 2013, si può definire senza ombra di dubbio “un romanzo ben fatto”. Lemaitre ha confezionato un ottimo romanzo d’appendice (e con questa “classificazione” non si vuole certo sminuire il lavoro, lo sforzo e l’impegno dell’autore, ma se possibile sottilinearne ancora di più l’abilità narrativa), un vero e proprio feuilleton d’altissimo livello, nel solco della grande tradizione francese, da Eugène Sue a Honoré de Balzac, da Alexandre Dumas a Victor Hugo. L’intreccio, dunque, rutilante ed emozionante, con al centro le vicende post-belliche di due soldati che la fatalità pone uno accanto all’altro in un momento cruciale: gli ultimi giorni di massacri della Grande Guerra a cui, in qualche modo, sopravvivono. Due reduci, insomma, perché i veri eroi muoiono, mentre chi torna deve fare i conti il destino che ha scelto per loro. E per Albert e Edouard il destino ha detto male, relegandoli ai margini della società; Albert, senza più un lavoro, abbandonato dalla fidanzata, fa l’uomo-sandwich e si prende cura dell’amico che, sfigurato da una granata, cambia identità e si rifiuta di tornare dal ricco e potente padre. Non è così invece per il perfido tenente che, responsabile della loro rovina, ne esce alla grande e non mancherà, suo malgrado, di incrociare le vite maledette dei due amici in un susseguirsi ben dosato e calibrato di colpi di scena e svolte narrative. Il tutto in un’ambientazione - l’abbacinante e febbrile Parigi post-bellica - che fa risaltare i pregi di questo romanzo, che non è riduttivo riassumere nel godibilissimo piacere di arrivare fino in fondo per sapere come va a finire.
Antonio Strepparola

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Romanzi contemporanei

Editore Mondadori

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 28/01/2014

Lingua Italiano

EAN-13 9788852047022

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "Ci rivediamo lassù"

Ci rivediamo lassù
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima